Un caffè a pranzo riduce rischio diabete tipo 2

Secondo i risultati di uno studio condotto presso l’Università di San Paolo bere caffè all’ora di pranzo aiuta a ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.
La ricerca ha coinvolto 69.532 donne francesi tra i 41 e i 72 anni non diabetiche alle quali è stato chiesto di compilare un questionario relativo alle abitudini alimentari tra il 1993 e il 1995. Il follow-up condotto dopo 11 anni ha mostrato l’insorgenza di 1415 casi di diabete di tipo 2, stabilendo una correlazione inversamente proporzionale tra il rischio di diabete e la quantità di caffè consumato in un giorno e dimostrando che le donne che consumavano una tazza di caffè all’ora di pranzo avevano il 33% in meno di probabilità di diventare diabetiche rispetto a coloro che non bevevano mai caffè. Lo stesso beneficio è stato osservato anche nelle donne che sceglievano il caffè decaffeinato, sia zuccherato che amaro, ma sempre se consumato all’ora di pranzo.
Saranno comunque necessari ulteriori studi per capire le ragioni per le quali il caffè abbia effetti positivi sulla riduzione del rischio diabete solo se assunto a mezzogiorno e non in altri momenti della giornata.

 

 
Fonte: 9 marzo 2010, American Journal of Clinical Nutrition

Potrebbero interessarti

  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 29 maggio 2017AMD presenta il Core Competence Curriculum del DiabetologoL’AMD presenta, in occasione del XXI Congresso Nazionale AMD, il Core Competence Curriculum del Diabetologo, strumento concreto in grado di favorire l’attuazione di un modello assistenziale integrato in ambito diabetologico in un’ottica di efficientamento delle prestazioni e di appropriatezza prescrittiva. Posted in Linee guida
  • 31 maggio 2017I rischi del fumoIl fumo è considerato il principale fattore di rischio per le patologie respiratorie, malattie cardiovascolari, tumori al polmone, al cavo orale, laringe e diversi tipi di neoplasie. Il fumo, attivo o passivo, produce nell’organismo diversi effetti dannosi, tra cui un maggior rischio di diabete di tipo 2. Posted in Fumo