Un gene per l’ottimismo

L’edizione on-line della rivista scientifica Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences Usa) ha pubblicato uno studio dell’Ucla (University of California, Los Angeles) che ha identificato il gene Oxtr, un gene recettore dell’ossitocina, che sarebbe collegato ad alcune positività del carattere, come la capacità di relazione, l’empatia e l’ottimismo, il senso positivo della vita.
Shelley E. Taylor, membro della National Academy of Sciences e coordinatrice dello studio, osserva: «Alcune persone pensano che i geni siano il destino, che se si ha un gene specifico, allora si avrà un destino particolare. Non è così, questo gene è un fattore che influenza le risorse psicologiche e la depressione, ma rimane molto spazio per i fattori ambientali. Un buon sostegno durante l’infanzia, buone relazioni, amici e anche altri geni, hanno un ruolo nello sviluppo delle risorse psicologiche, e questi fattori ricoprono un ruolo molto importante se le persone diventano depresse».
Il gene Oxtr può avere due varianti, l’adenina (variante A) e la guanina (variante G): secondo molti studi, le persone che hanno due varianti G sono caratterizzate da un’alta autostima e da ottimismo, più di quelle che hanno una variante A e una variante B; chi ha invece una variante A, e ancor più chi ne ha due, ha una minore resistenza allo stress, minori capacita sociali e la sua salute mentale è più a rischio.

 
Fonte novembre 2011, Mente e Cervello

Potrebbero interessarti

  • 2 novembre 2016Il metodo WALIl Metodo WAL è un metodo di allenamento insieme fisico e mentale che regala agilità, salute e gioventù sia al corpo che al cervello. Posted in Guide generali
  • 27 novembre 2016Io, il diabete e lo sportFornire a tutti gli interessati uno strumento pratico che contenga cenni di base di fisiologia dello sport, indicazioni su come gestire alimentazione, autocontrollo della glicemia e terapia individuale, nozioni per praticare lo sport in sicurezza, informazioni per richiedere un certificato di idoneità medico-sportiva. Posted in Testimonianze
  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico