Un gene per l’ottimismo

L’edizione on-line della rivista scientifica Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences Usa) ha pubblicato uno studio dell’Ucla (University of California, Los Angeles) che ha identificato il gene Oxtr, un gene recettore dell’ossitocina, che sarebbe collegato ad alcune positività del carattere, come la capacità di relazione, l’empatia e l’ottimismo, il senso positivo della vita.
Shelley E. Taylor, membro della National Academy of Sciences e coordinatrice dello studio, osserva: «Alcune persone pensano che i geni siano il destino, che se si ha un gene specifico, allora si avrà un destino particolare. Non è così, questo gene è un fattore che influenza le risorse psicologiche e la depressione, ma rimane molto spazio per i fattori ambientali. Un buon sostegno durante l’infanzia, buone relazioni, amici e anche altri geni, hanno un ruolo nello sviluppo delle risorse psicologiche, e questi fattori ricoprono un ruolo molto importante se le persone diventano depresse».
Il gene Oxtr può avere due varianti, l’adenina (variante A) e la guanina (variante G): secondo molti studi, le persone che hanno due varianti G sono caratterizzate da un’alta autostima e da ottimismo, più di quelle che hanno una variante A e una variante B; chi ha invece una variante A, e ancor più chi ne ha due, ha una minore resistenza allo stress, minori capacita sociali e la sua salute mentale è più a rischio.

 
Fonte novembre 2011, Mente e Cervello

Potrebbero interessarti

  • 14 aprile 2017Rosacea: possibile marker di altre patologie tra cui il diabete di tipo 1Novità sulla classificazione della rosacea e sulle terapie per la sua gestione. Un panel di esperti presentano un documento condiviso per la gestione della rosacea al Congresso SIDeMaST, Sorrento, 3-6 maggio 2017. Posted in Diabete e prurito
  • 26 aprile 2017Che cosa sono i trigliceridi?I trigliceridi sono i grassi più diffusi, costituiscono il 90% dei grassi presenti negli alimenti e sono i principali componenti del tessuto adiposo (quelli che si depositano nei famosi cuscinetti!) e che formano il grasso viscerale intorno alla vita, il più pericoloso per la salute di cuore, vasi, cervello e rene. Posted in Grassi
  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida