Una riduzione dell’emoglobina glicata riduce anche il rischio cardiovascolare nei soggetti con diabete di tipo 2?

Le ultime conferme cliniche sono recentissime, pubblicate nel 2008. L’insieme delle evidenze a disposizione indica che migliore è l’HbA1c all’avvio del trattamento antidiabetico, migliore sarà la prognosi nel tempo, minori le complicazioni future.
Ma bisogna agire in modo tempestivo. Gli studiosi parlano di “memoria metabolica” o meglio di “memoria di danno”, intendendo che il danno di valori di glicemia mantenuti troppo alti a lungo può essere parzialmente irreversibile.

Che cosa si può fare allora?

La cosa migliore è eseguire regolarmente i controlli consigliati dal proprio medico, in particolare se si hanno fattori di rischio come ipertensione, fumo, obesità, cercando di abbassare l’emoglobina glicata il più precocemente possibile e modificando le proprie abitudini per impedire che aumenti nel tempo.

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 21 giugno 2017Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estateIl lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%). Posted in Diabete e prurito
  • 3 maggio 2017MicroalbuminuriaLa presenza di piccole quantità di albumina nelle urine (microalbuminuria) può comparire negli stadi molto precoci della nefropatia diabetica e può fungere da campanello d’allarme per questa temibile complicanza. Posted in Capire gli esami