Uno stile di vita attivo

Praticare regolarmente un’attività fisica e sportiva oltre a vivere una vita attiva è un caposaldo per la cura del diabete e per ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, in particolare nel diabetico in soprappeso o obeso.
Il movimento se seguito con metodo e regolarità può aiutare non solo a prevenire la malattia ma anche a migliorarne il controllo e a ridurre il rischio di complicanze.

Importante è anche imparare a ricavarsi dei propri spazi per rilassarsi: situazioni di stress, soprattutto se prolungate tendono a rialzare i valori della glicemia e favoriscono l’accumulo nei vasi di colesterolo “cattivo” (colesterolo-LDL).

 

Prima di iniziare
Soprattutto se sei in soprappeso e non più giovane, prima di iniziare un’attività fisica o sportiva, fissa un appuntamento con il tuo medico o il tuo team diabetologico: oltre a fare un accurato controllo dell’apparato cardiocircolatorio, potrai concordare insieme il programma più adatto alle tue esigenze, alle tue preferenze  e al tuo stato generale di salute. L’importante è iniziare gradualmente soprattutto se si è sempre condotto una vita sedentaria. Meglio evitare di improvvisarsi supersportivi della domenica.

Potrebbero interessarti

  • NEWS - 2016“DIABETICO ESPERTO”: Un nuovo progetto di FAND-associazione italiana diabetici20 ottobre 2016Prende il via, con un incontro organizzato a Montesilvano (Pescara), il 22 e 23 ottobre, il programma “Diabetico esperto”, che si propone, come spiega il suo coordinatore Lorenzo Greco, Vice Presidente Vicario FAND, di “creare figure di operatori del volontariato formate a sostenere le persone con diabete nella loro sfida quotidiana con la malattia.”

    Continua a leggere

  • TestimonianzeIo, il diabete e lo sport27 novembre 2016Fornire a tutti gli interessati uno strumento pratico che contenga cenni di base di fisiologia dello sport, indicazioni su come gestire alimentazione, autocontrollo della glicemia e terapia individuale, nozioni per praticare lo sport in sicurezza, informazioni per richiedere un certificato di idoneità medico-sportiva.

    Continua a leggere

  • ItaliaItaliani e movimento: solo 1 su 3 pratica uno sport nel tempo libero17 ottobre 2016L’Italia è un paese pigro e continua ad esserlo come evidenziato nel recente Convegno “Salute e sport per il benessere nelle città” promosso da Health City Institute nell’ambito dell’assemblea Anci a Bari, il 13 ottobre. La pigrizia cresce da Nord a Sud ed è più presente nei piccoli centri e nelle periferie, secondo i dati ISTAT.

    Continua a leggere