Veneto: progetto UE di telemedicina

Pazienti cronici affetti da diabete e da patologie cardiovascolari o polmonari, grazie alla telemedicina saranno assistiti a domicilio per tutto quanto possibile.
Questo è Rewening Health, un imponente progetto di telemedicina finanziato dall’Unione europea con 14 milioni di euro che coinvolgerà 7900 pazienti, 4500 dei quali veneti, e si concluderà nell’ottobre 2012.
Rewening Health è il risultato raggiunto dall’incontro avvenuto all’inizio di febbraio a Venezia fra i rappresentanti di nove regioni tra le più avanzate in materia di applicazioni in ICT (Information Communication Tecnology) di Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Grecia, Norvegia, Spagna, Svezia e per l’Italia il Veneto. Grazie a questo progetto migliorerà la qualità della vita dei pazienti: potranno diminuire le visite ospedaliere, miglioreranno l’assistenza e le cure e si limiterà così la mortalità.
Sandro Sandri, Assessore alla Sanità della Regione Veneto, ha ricordato che «Il sistema prevede un importante coinvolgimento del paziente, che collaborerà attivamente nel monitorare e valutare il proprio stato di salute e nel segnalare al personale sanitario, direttamente dal proprio domicilio, ogni aspetto rilevante dal punto di vista clinico».

 

 
Fonte: 12 febbraio 2010, adnkronos.com

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 31 gennaio 2017Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di curaL’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”. Posted in Aspetti psicologici