Zucchero e punto di beatitudine: ognuno ha il suo

In inglese si chiama BLISS POINT ed è quella specifica miscela di zuccheri, grassi e talvolta di sale che ci manda in estasi quando gustiamo un cibo che ci piace e a cui facciamo fatica a rinunciare.

 

Il bliss point è stato scoperto facendo bere a vari campioni di volontari soluzioni di acqua e zucchero sempre più dolci e gradite fino ad arrivare a un punto in cui le persone coinvolte nel test trovavano la miscela troppo dolce per i propri gusti. Così il bliss point è stato definitivo come la quantità di zucchero che offre la massima gradevolezza di un cibo. Non parliamo solo di dolci ma anche di pane, pasta, pizza, salse e tutti i cibi che contengono in quantità variabili zuccheri.

Gli scienziati continuano a studiare il bliss point soprattutto a scopi commerciali, per trovare il “punto di dolcezza ottimale” per diversi alimenti (dolciumi, biscotti, bibite gassate etc). È stato scoperto, per esempio che il bliss point varia da alimento ad alimento, varia se si associano diversi cibi zuccherati e soprattutto che nei bambini è molto più alto rispetto a quello degli adulti, fino a 3 volte tanto. Questo dato è molto importante per cercare di non abituare i nostri bambini al consumo di cibi troppo dolci: le buone abitudini si imparano da piccoli.

 

 

Fonte

Monell.org – Il sito del centro di ricerca sul gusto più grande del mondo. Potete leggere e scaricare le pubblicazioni su dolci, grassi, salati. Ci sono anche molte inchieste interessanti. In inglese.

Potrebbero interessarti

  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 25 novembre 2016L’Uruguay e l’arrivo in BrasileL'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni