Achantosis Nigricans: cause, manifestazioni e cura

Achantosis Nigricans: cause, manifestazioni e cura

 

L’Acanthosis nigritans si presenta in oltre il 74% dei diabetici adulti obesi e può essere predittivo dell’esistenza di iperinsulinemia. La sua manifestazione rappresenta un indicatore prognostico per lo sviluppo di diabete di tipo 2 (DMT2).

 

Cause ed incidenza

Secondo gli studi più recenti esiste anche una possibile predisposizione genetica o un aumento della sensibilità cutanea all’iperinsulinemia in gruppi etnici differenti.
Si pensa che l’ Acanthosis nigritans evolva da un complesso meccanismo che determina un’interazione tra l’eccesso di insulina e il recettore dell’IGF-1 (insulin-like growth factor-1) presente su alcune cellule cutanee come cheratinociti e fibroblasti. Questa interazione stimola la proliferazione delle cellule dell’ epidermiche, con conseguente ispessimento della stessa.

 

Come si presenta


L’Acanthosis nigritans è un ispessimento iperpigmentato che si localizza preferibilmente alla nuca, zone laterali del collo, ascelle, mento, tasche cutanee e aree di ipercheratosi.

L’Acanthosis nigritans (AN) si associa spesso a: ereditarietà, obesità, disordini endocrini, terapie con alcuni farmaci, insorgenza di tumori maligni. Il cosiddetto AN di tipo 2 è associato al diabete di tipo 2 e lo pseudo-AN di tipo 3 è associato alla sindrome metabolica. L’AN di tipo 2 ha un’insorgenza insidiosa e si presenta inizialmente come un’iperpigmentazione cutanea. Entrambe le forme presentano insulinoresistenza.
Alcuni studi hanno documentato che i bambini con AN ed età dagli 8 ai 14 anni hanno insulinoresistenza e il 25% ha disturbi del metabolismo dello zucchero.

Dal punto di vista microscopico, l’acanthosis nigritans si presenta con papillomatosi (presenza di numerosi papillomi, tumori benigni derivati dalla proliferazione esuberante dell’epitelio di rivestimento della cute) e ipercheratosi (aumento dello spessore cutaneo, dovuto a un incremento dello spessore dello strato corneo dell’epidermide).

 

Come si cura

La terapia migliore dell’acanthosis nigritans consiste nel trattamento delle cause sottostanti: obesità e iperinsulinemia. In genere una significativa perdita di peso risolve sia la forma di tipo 2 che quella di tipo 3 (pseudo-AN tipo 3). Farmaci retinoidi per via generale o locale possono essere talvolta indicati dal dermatologo come sintomatici. Agenti esfolianti, come urea o ammonio lattato e sostanze depigmentanti possono essere talvolta di qualche beneficio.

 

 

Fonti
– Duff M et al – Cutaneous manifestations of diabetes mellitus. Clinical Diabetes Journals Org 2015; 33 (1): 40-8
– Piérard GE et al – The skin landscape in diabetes mellitus. Focus on dermocosmetic Management. Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology 2013:6 127–135
– Levy L,  Zeichner JA – Dermatologic manifestation of diabetes. Journal of Diabetes 4 (2012) 68–76

 

Potrebbero interessarti

  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali