Con il rosso ci si ferma anche davanti al cibo

Oliver Genschow, dell’Istituto di Psicologia dell’Università di Basilea, ha diretto il gruppo di ricercatori in un esperimento che ha provato come il colore possa influenzare l’appetito: mangiare o bere in piatti e bicchieri di colore rosso, secondo gli studiosi svizzeri, indurrebbe infatti a mangiare e bere di meno.
Gli stessi ricercatori, però, invitano alla prudenza, in attesa di ulteriori verifiche, prima di mettere a punto strategie mirate a programmi di dimagrimento. Dalle prime osservazioni casuali, gli studiosi svizzeri sono passati alle sperimentazioni, che sono state eseguite su 41 studenti per le bevande, e su oltre 100 persone per il cibo; dopo aver somministrato ai ragazzi acqua in abbondanza, sono state offerte loro bevande dolci in bicchieri colorati: quelli che hanno bevuto da bicchieri rossi hanno bevuto il 40% in meno. Lo stesso procedimento è stato usato per il cibo solido, offrendo a ciascuno dei 109 soggetti dieci ciambelle salate: chi era stato servito con piatti rossi ne ha mangiate la metà rispetto a chi era stato servito in piatti di altri colori. Ai ricercatori non risulta invece che la valutazione della qualità delle bevande e del cibo sia stata influenzata dal colore del contenitore in cui erano stati serviti.
La spiegazione, a parere della rivista Appetite che ha pubblicato lo studio, sarebbe nell’associazione fra il colore rosso e il divieto o il pericolo, che indurrebbe a comportarsi con prudenza anche mangiando.

 

 

FonteGenschow O et al – The color red reduces snack food and soft drink intake. Appetite, 5 gennaio 2012

Potrebbero interessarti

  • 25 maggio 2017Prima conferenza di consenso per il patient engagementCelebrazione delle raccomandazioni. La mattina del 13 giugno 2017, presso il Palazzo Lombardia a Milano, si terrà l’evento di presentazione e celebrazione al pubblico delle RACCOMANDAZIONI per la PROMOZIONE DEL PATIENT ENGAGEMENT. Posted in EVENTI - 2017
  • 20 marzo 2017Un peperoncino al giorno…benefici, quantità, usiDagli studi sperimentali di laboratorio e da quelli su volontari emergono benefici interessanti del peperoncino piccante per la prevenzione di molte patologie croniche come l'obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari ma anche disturbi gastrointestinali, tumori, dermatopatie e vescica neurologica. Posted in A tavola con il diabete
  • 27 marzo 2017I lipidi (grassi): classi e funzioni principaliI lipidi dal punto di vista energetico rappresentano la sorgente più concentrata di energia, sono praticamente insolubili in acqua, ma solubili nei solventi organici (etere, benzina, cloroformio, ecc.). Posted in Grassi