Donne e diabete: quasi 2+2 milioni in Italia

Quasi due milioni di donne hanno il diabete e almeno altrettante si prendono quotidianamente cura di figli, mariti o compagni con il diabete.
Circa 1 donna su 8, in Italia, è coinvolta ogni giorno con il diabete: 1,9 milioni ne soffrono in prima persona, una quota uguale, se non superiore visto che sono oltre 4 milioni in totale le persone con diabete in Italia, per ‘procura’ occupandosi ogni giorno di figli, mariti o compagni con questa malattia. “A tutte loro vogliamo dedicare il convegno ‘Donna e diabete in Regione Lombardia’, che Associazione Amici del Diabetico Onlus ha organizzato domani a Milano, al Palazzo della Regione Lombardia, in collaborazione con ASST Fatebenefratelli Sacco e Regione Lombardia”, spiega Antonino Arini, Presidente Associazione Amici del Diabetico Onlus.

 

donne-e-diabete-in-lombardia

La differenza di genere nelle cure, ha sottolineato Arini, è particolarmente rilevante nel diabete, poiché le donne con questa malattia, indipendentemente dallo stato menopausale e di gravidanza, rispetto agli uomini, non solo sono più a rischio di malattie coronariche, ma hanno anche una prognosi più critica dopo l’infarto e altre malattie cardiovascolari. “L’obiettivo di questo evento, va però oltre – aggiunge Arini “vuol mettere in luce i diversi ruoli femminili sia nel percorso di gestione della propria malattia, sia nel ruolo prezioso di caregiver.”

L’aumento della prevalenza del diabete, con l’aumento dei costi sia diretti che indiretti, la situazione economico-finanziaria e i vincoli di finanza pubblica, richiedono ai Governi di occuparsi della sostenibilità nel tempo della spesa sanitaria e, più in generale, dell’intero modello di welfare. “La salute di genere è ormai un’esigenza del Servizio sanitario ed è necessario individuare all’interno delle strutture pubbliche percorsi che garantiscano la presa in carico della persona, tenendo conto della differenza di genere, per dare continuità di cura e aderenza al “patto terapeutico”, per ottenere una sempre maggior appropriatezza e personalizzazione della terapia”, aggiunge Arini.

Con questo incontro, che si inquadra nell’ambito delle numerose iniziative organizzate in Lombardia e in tutta Italia per l’8 marzo, Amici del Diabetico Onlus intende inoltre celebrare la propria recente adesione all’organizzazione di FAND-Associazione italiana diabetici, come 118esima associazione membro in tutta Italia.

 
Fonte

Comunicato stampa hcc consulting, 8 marzo 2016

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 14 novembre 2016La medicina di genereLa Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute. Posted in Diabete al femminile
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia