Interventi radicali sullo stile di vita dei pre-diabetici riducono la mortalità

Finalmente è possibile affermare con sicurezza che nel diabete gli interventi sullo stile di vita sono in grado di ridurre il rischio di conseguenze cardiovascolari a lungo termine…” si legge sulla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology, nell’editoriale di commento firmato dal direttore della Mrc Epidemiology Unit dell’University of Cambridge, Nick Wareham; la prestigiosa rivista britannica ha infatti pubblicato una ricerca durata 23 anni che dimostra come nelle persone a rischio di diabete, con alterata tolleranza al glucosio, le modifiche dello stile di vita riducono significativamente il rischio di morte per patologie cardiovascolari e per tutte le cause.

Il primo autore dello studio Da Qing Diabetes Prevention Study, Guangwei Li, del Dipartimento di Endocrinologia del China-Japan Friendship Hospital di Pechino, spiega: «Molti studi hanno dimostrato che nelle persone ad alto rischio di diabete i programmi di esercizio fisico o di perdita di peso possono prevenire la progressione a diabete conclamato; il rischio di decesso per ictus e infarto, ma anche per tutte le cause, è più che doppio nei diabetici di tipo 2 rispetto ai non diabetici. Ne consegue che, se gli interventi sullo stile di vita riducono il rischio di diabete, dovrebbero anche abbassare l’eccesso di rischio di morte, specie cardiovascolare».
Nel corso dello studio, randomizzato e controllato, sono stati osservati per oltre vent’anni circa 600 soggetti, suddivisi in due gruppi, con il risultato che nel gruppo che aveva modificato lo stile di vita l’incidenza cumulativa di morte per malattie cardiovascolari è stata dell’11,9%, contro il 19,6% del gruppo di controllo, mentre la mortalità per tutte le cause è stata del 28,1% contro il 38,4%. Questo è il primo studio che documenta scientificamente l’effetto positivo delle modifiche dello stile di vita sulla riduzione della mortalità cardiovascolare nelle persone con pre-diabete.

Fonte
Nicholas J Wareham – The long-term benefits of lifestyle interventions for prevention of diabetes. The Lancet Diabetes & Endocrinology, 3 April 2014 doi:10.1016/S2213-8587(14)70074-9

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali