Interventi radicali sullo stile di vita dei pre-diabetici riducono la mortalità

Finalmente è possibile affermare con sicurezza che nel diabete gli interventi sullo stile di vita sono in grado di ridurre il rischio di conseguenze cardiovascolari a lungo termine…” si legge sulla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology, nell’editoriale di commento firmato dal direttore della Mrc Epidemiology Unit dell’University of Cambridge, Nick Wareham; la prestigiosa rivista britannica ha infatti pubblicato una ricerca durata 23 anni che dimostra come nelle persone a rischio di diabete, con alterata tolleranza al glucosio, le modifiche dello stile di vita riducono significativamente il rischio di morte per patologie cardiovascolari e per tutte le cause.

Il primo autore dello studio Da Qing Diabetes Prevention Study, Guangwei Li, del Dipartimento di Endocrinologia del China-Japan Friendship Hospital di Pechino, spiega: «Molti studi hanno dimostrato che nelle persone ad alto rischio di diabete i programmi di esercizio fisico o di perdita di peso possono prevenire la progressione a diabete conclamato; il rischio di decesso per ictus e infarto, ma anche per tutte le cause, è più che doppio nei diabetici di tipo 2 rispetto ai non diabetici. Ne consegue che, se gli interventi sullo stile di vita riducono il rischio di diabete, dovrebbero anche abbassare l’eccesso di rischio di morte, specie cardiovascolare».
Nel corso dello studio, randomizzato e controllato, sono stati osservati per oltre vent’anni circa 600 soggetti, suddivisi in due gruppi, con il risultato che nel gruppo che aveva modificato lo stile di vita l’incidenza cumulativa di morte per malattie cardiovascolari è stata dell’11,9%, contro il 19,6% del gruppo di controllo, mentre la mortalità per tutte le cause è stata del 28,1% contro il 38,4%. Questo è il primo studio che documenta scientificamente l’effetto positivo delle modifiche dello stile di vita sulla riduzione della mortalità cardiovascolare nelle persone con pre-diabete.

Fonte
Nicholas J Wareham – The long-term benefits of lifestyle interventions for prevention of diabetes. The Lancet Diabetes & Endocrinology, 3 April 2014 doi:10.1016/S2213-8587(14)70074-9

Potrebbero interessarti

  • 11 dicembre 2017Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutatoLe persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa
  • 31 dicembre 2017Adesione alla terapia per il diabeteL’adesione alla terapia antidiabetica è uno dei principali fattori che concorrono al buon controllo del diabete nel tempo e al minor rischio di complicanze. Una scarsa aderenza terapeutica ha ricadute negative sul controllo della malattia. Posted in Adesione alla terapia