La frutta secca nella prevenzione del diabete

La rivista Diabetes Care ha pubblicato una ricerca dell’Università di Toronto in base alla quale sostituire i carboidrati con la frutta secca come noci, nocciole, arachidi, anacardi e pistacchi, aiuta nella prevenzione del diabete di tipo 2 e nelle sue possibili complicanze.
Nel corso della ricerca, oltre cento volontari con diabete di tipo 2 sono stati sottoposti a dieta identica ma che per un gruppo prevedeva anche un muffin, per un altro gruppo una mezza tazza di semi oleosi (frutta secca) e per il terzo gruppo prevedeva sia il muffin che i semi. Al termine della dieta il gruppo che aveva assunto solo la frutta secca aveva migliorato la glicemia e ridotto il colesterolo ‘cattivo’ Ldl; il miglioramento non è stato registrato negli altri due gruppi.
Secondo i ricercatori canadesi i vantaggi sono conseguenza dei grassi monoinsaturi (MUFA) contenuti nei semi oleosi, che preservano il colesterolo ‘buono’ Hdl e migliorano il controllo glicemico nei pazienti diabetici.
David Jenkins, che ha coordinato la ricerca spiega: «I semi oleosi sembrano essere adatti come parte delle diete dimagranti, infatti il misto senza sale, crudo o tostato, può avere effetti benefici per il controllo della glicemia e dei lipidi nel sangue e può essere utilizzato come parte di una strategia per migliorare il controllo del diabete, senza aumenti di peso».

 

 

Fonte 19 luglio 2011, newsfood.com

Potrebbero interessarti

  • 20 marzo 2017Attenti a una dieta gluten free, quando non necessario!Mangiare senza glutine sta diventando di moda anche tra chi non ne ha bisogno. Questo comportamento potrebbe risultare non salutare nel lungo periodo, in particolare per chi è a rischio o soffre già di diabete di tipo 2. Posted in A tavola con il diabete
  • 11 marzo 2017Impariamo a leggere le etichette alimentariLeggere le etichette può contribuire alla prevenzione delle malattie: è possibile fare scelte più sane e più corrette in termini di apporto ed equilibrio tra i nutrienti e nel lungo termine questo può fare la differenza. Posted in Comportamento a tavola
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia