Staccare il microinfusore in vacanza si può?

Se il vostro diabete è ben controllato, il microinfusore può essere scollegato per 60 minuti (se usate un analogo rapido) o 90 minuti se usate insulina regolare senza alcuna ulteriore precauzione e in particolare se in questo lasso di tempo svolgete una moderata attività fisica che contribuisce a mantenere sotto controllo la glicemia.
Quando il microinfusore è scollegato, vi conviene mantenerlo acceso in modo da ridurre il rischio che l’insulina cristallizzi occludendo il catetere.

Dopo aver ricollegato il microinfusore e il catetere all’agocannula inserita nel sottocute, è sempre consigliabile ricontrollare i valori della glicemia e, se necessario, effettuare una correzione con un bolo di correzione adeguato. Molti diabetologi consigliano di effettuare anche un secondo controllo dopo circa mezz’ora.

In accordo con il proprio Specialista, potrete pianificare periodi di “vacanza” dal microinfusore anche più lunghi.
L’esempio classico è quello del mare, quando si desidera prendere il sole o fare il bagno con la massima libertà. In questi casi è in genere possibile stabilire uno schema misto di insulina. Un’opportunità è per esempio quella di staccare il microinfusore dopo il bolo della prima colazione, coprire il fabbisogno della giornata con schemi iniettivi misti concordati, quindi riconnettere il microinfusore alla sera, dopo la doccia e prima di cenare.

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017
  • 30 settembre 2017Una buona prevenzione del diabete passa anche dalla salute della boccaTenere sotto controllo la parodontite aiuta a ridurre l’emoglobina glicata dello 0,4%. Lo hanno sottolineato i Diabetologi riuniti a Genova in occasione del convegno “Diabete e parodontopatia: una relazione biunivoca”, promosso dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD). Posted in Denti e gengive