Unghie dei piedi: vasi e nervi

A cura del dr. Claudio Fantauzzi, Podologo, Tivoli Terme (Roma)

 

Le dita dei piedi sono irrorate e innervate da arterie e nervi digitali, dorsali e plantari.

Dall’arteria arciforme dorsale del piede (o dall’arteria peroniera, nel caso essa mancasse) si diramano le arterie metatarsali dorsali delle dita mediali e laterali.

La matrice dell’unghia e il letto ungueale sono irrorati da due rami provenienti dalle arterie metatarsali dorsali e da due rami provenienti dalle arterie metatarsali plantari, che si dispongono nelle aree lateroplantare e laterodorsale di ogni dito.

Le connessioni arterovenose sono controllate da fasci neurovascolari chiamati corpi glomerulari. L’innervazione prossimo dorsale dell’area ungueale e del letto di ciascuna unghia è assicurata da due piccoli rami provenienti dai nervi dorsali (peroneo superficiale, peroneo profondo, surale). Anche i nervi plantari mediali e laterali raggiungono ogni dito attraverso piccoli rami spingendosi nella parte plantare ed anterodistale fino alla parte più distale del letto ungueale.

 

Per visualizzare ulteriori immagini di vasi e nervi del piede, in visione frontale e plantare, cliccare qui: fisioterapiarubiera.com/varie

 

 

Bibliografia

– Luisi I – Anatomia del piede. SEU Ed, 2005

– Platzer W – Anatomia umana. Apparato locomotore. CEA Ed, 5° Ed, 2014

– Tilmann BN – Atlante di anatomia umana. Zanichelli Ed, Bologna, 2008

– Giulio Marinozzi G, Gaudio E, Carinci P – Anatomia umana e istologia. Elsevier Italia Ed, 2012

– Netter FH – Netter. Guida all’atlante di anatomia umana. EDRA Ed, Milano, 2014

– Pranteda GC – Patologie cutanee del piede. Testo-atlante. EMSI Ed, Roma, 2010

– Scher RK, Hordinsky M, Sawaya ME – Patologie delle unghie e dei capelli. Atlante Verduci Ed, Roma, 2004

Potrebbero interessarti

  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 10 luglio 2017Peptide C: che cos’è e che cosa misuraIl C-peptide viene considerato un indicatore di secrezione di insulina endogena da parte delle cellule beta del pancreas. I livelli di C-peptide si correlano sia al tipo di diabete che alla durata della malattia. Posted in Capire gli esami
  • 27 giugno 2017Lo studio REMOVALIl trattamento a lungo termine con metformina potrebbe ridurre il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete tipo 1: questi i risultati dello studio REMOVAL (REducing with MetfOrmin Vascular Adverse Lesions) presentati alle 77° Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association (ADA 2017).   Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali