Disponibile in Italia una nuova formulazione a base di calcifediolo per il trattamento della carenza di vitamina D

Disponibile in Italia una nuova formulazione a base di calcifediolo per il trattamento della carenza di vitamina D

Con la consulenza della Prof.ssa Maria Luisa Brandi.

 

Dal 16 Maggio 2018 è accessibile in Italia una nuova formulazione farmacologica, a somministrazione mensile, a base di calcifediolo per trattare lo stato di carenza di vitamina D, oltre che i pazienti affetti da osteoporosi, sindrome da malassorbimento, osteodistrofia renale o con problematiche ossee indotte dal trattamento con corticosteroidi.

 

La carenza di vitamina D

La vitamina D, come ben noto, risulta fondamentale per il corretto funzionamento del nostro organismo, ma spesso ne siamo carenti.
Avere adeguati livelli plasmatici di 25(OH)D (calcifediolo) (parametro di riferimento dello status della vitamina D) significa contrastare in modo efficace l’insorgere di importanti problematiche a livello osteo-scheletrico e muscolare quali l’osteoporosi, l’osteomalacia (malattia metabolica a carico delle ossa, a cui sottrae minerali rendendole più fragili e sensibili a dolori, malformazioni e fratture) e la sarcopenia. Quest’ultima è una malattia caratterizzata dalla perdita di massa e forza muscolare che espone il soggetto anziano a un deterioramento di alcune funzioni quali la stabilità posturale e l’autonomia deambulatoria. Inoltre, sempre più studiato e supportato da evidenze scientifiche è il ruolo di un corretto status di vitaminosi D al fine di prevenire patologie a livello cardiocircolatorio, neurologico, immunologico e oncologico.

In Italia, si stima che addirittura l’80% della popolazione sia in una situazione di carenza di vitamina D, come è stato definito nel XIV Congresso della Società italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS).

Anche a livello mondiale la situazione non cambia e di conseguenza possiamo definire la condizione di ipovitaminosi D (o ipocalcifediolemia) come un problema globale.

 

Le cause dell’ipovitaminosi D

La carenza di vitamina D non dipende solo da un ridotto apporto alimentare di vitamina D o da una ridotta esposizione solare, ma è una conseguenza anche di diverse patologie che – in definitiva – determinano una situazione di carenza o deficit di calcifediolo o 25(OH)D a livello plasmatico. Tra le principali: diabete, obesità, malassorbimento intestinale, insufficienza epatica o renale, ipogonadismo, uso di farmaci che interferiscono con la sintesi del 25(OH)D.

 

Una nuova formulazione per favorire la compliance e l’aderenza del paziente alla terapia

A tal fine, dal 16 Maggio 2018 è disponibile in Italia una nuova formulazione farmacologica a base di calcifediolo per trattare lo stato di carenza di vitamina D, come coadiuvante nel trattamento dell’osteoporosi, nei pazienti affetti da sindrome da malassorbimento, osteodistrofia renale o con patologie ossee indotte dal trattamento con corticosteroidi.

Prof.ssa Maria Luisa Brandi“Il fatto di poter assumere un farmaco come il calcifediolo – spiega la Prof.ssa Maria Luisa Brandi, Università degli Studi di Firenze – capace di correggere lo stato di ipovitaminosi D in modo rapido ed efficace, non solo giornalmente o settimanalmente, ma ora anche mensilmente grazie alla nuova formulazione, per alcuni pazienti è molto importante in aiuto all’aderenza alla terapia e in definitiva sul risultato di efficacia finale”.

La nuova specialità medicinale, che è interamente a carico del SSN, con ricetta ripetibile (RR), si presenta in capsule molli e prevede una somministrazione generalmente mensile, comunque da concordare con il proprio medico curante o specialista.

 

Il nuovo prodotto nasce dalla collaborazione internazionale tra l’azienda italiana Bruno Farmaceutici e quella spagnola Faes Farma che ha lanciato il prodotto in Spagna 2 anni fa.

 

References

 

– Minisola S, Cianferotti L et al – Correction of vitamin D status by calcidiol: pharmacokinetic profile, safety, and biochemical effects on bone and mineral metabolism of daily and weekly dosage regimens: response to comments by Chen et alOsteoporos Int 2018 May;29(5):1219-1220

NIH Office of Dietary Supplements. Vitamin D. Updated: March 2, 2018

– Vitamina D, stati carenziali, in gravidanza, nell’osteoporosi (Nota AIFA 79). “Farmainforma” Informazione sui Farmaci e la Farmacovigilanza – Numero speciale Aprile 2017

– Cianferotti L, Cricelli C et al – The clinical use of vitamin D metabolites and their potential developments: a position statement from the European Society for Clinical and Economic Aspects of Osteoporosis and Osteoarthritis (ESCEO) and the International Osteoporosis Foundation (IOF)Endocrine 2015 Sep;50(1):12-26

– Meyer O1, Dawson-Hughes B, Bischoff-Ferrari HA et al – Calcifediol versus vitamin D3 effects on gait speed and trunk sway in young postmenopausal women: a double-blind randomized controlled trialOsteoporos Int 2015 Jan;26(1):373-81

Vitamina D: l’80% degli Italiani è carente

– Vincent M Riccardi – Hiding in Plain Sight: A Consideration of NF1-Associated Hypovitaminosis D and its Treatment. J Genet Syndr Gene Ther 2014, 5:3

– Brandi ML, Minisola S – Calcidiol [25(OH)D3]: from diagnostic marker to therapeutical agentCurr Med Res Opin 2013 Nov;29(11):1565-72

– Holick MF, Chen TC – Vitamin D deficiency: a worldwide problem with health consequencesAm J Clin Nutr 2008 Apr;87(4):1080S-6S

Neodidro: riassunto delle caratteristiche del prodotto »

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 28 maggio 2018Eiaculazione precoce: in uno spray predosato, la nuova terapiaL’eiaculazione precoce (EP) è - insieme alla disfunzione erettile - tra le più importanti disfunzioni sessuali maschili. In Italia interessa tra il 20% e il 30% degli uomini (4 milioni di Italiani). Il diabete soprattutto quando mal controllato - così come l’obesità, l’ipertensione, il colesterolo alto, il fumo – può favorire disfunzioni sessuali come l’eiaculazione precoce e il […] Posted in Sfera sessuale
  • 11 aprile 2018Il piede di Charcot: che cosa è importante sapereIl piede di Charcot è una complicanza diabetica poco conosciuta e di cui si parla poco che altera i tessuti molli, le articolazioni e le ossa del piede e della caviglia. La malattia è innescata nei soggetti predisposti da un processo infiammatorio incontrollato che porta ad lisi del tessuto osseo, progressive microfratture e malposizionamento articolare dovuto a sublussazioni e dislocazioni. Posted in Piede diabetico
  • 19 maggio 2018Terapia diabete tipo 2: le novità degli Standard di Cura, Revisione 2018Il nuovo algoritmo per il trattamento del diabete tipo 2, proposto negli Standard di cura 2018, vede ancora ben salda in pole position la metformina, farmaco di prima scelta nel trattamento del diabete di tipo 2 in tutti gli stadi e finché possibile. Qualora la monoterapia con metformina non fosse sufficiente a ottenere o mantenere un buon controllo metabolico, è necessario associare […] Posted in Terapia