Abbassare il rischio di diabete con una corretta alimentazione

Nel corso del forum nazionale Panorama Diabete, della Sid (Società Italiana di Diabetologia), che si è appena concluso a Riccione, gli specialisti del settore hanno confermato che una dieta appropriata riduce il rischio di contrarre la malattia e può aiutare i malati a tenere sotto controllo la glicemia. Rosalba Gracco del Sid spiega: «Sappiamo da tempo che esistono alimenti in grado di contrastare lo sviluppo del diabete di tipo 2, al di là della loro funzione nutrizionale. L’esempio migliore in natura sono i cereali integrali: se metà della quota di cereali introdotti nella dieta quotidiana deriva da prodotti non raffinati, il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2 cala del 20-30%.

Questo, perché il processo di raffinazione, eliminando il pericarpo e il germe del frumento, depaupera il prodotto di tutte quelle componenti funzionali come le fibre, gli oligosaccaridi, i minerali, le vitamine e gli ossidanti in essi contenuti. Tutti questi elementi fanno sì che il rischio di sviluppare il diabete nei consumatori abituali di prodotti integrali sia notevolmente più basso rispetto agli altri.

La dieta per contrastare il diabete dovrebbe perciò prevedere cereali integrali, prodotti funzionali in cui la digestione dell’amido è rallentata, e gli zuccheri sostituiti con oligosaccaridi o inulina, oppure ‘fortificati’ con fibre o probiotici. E, ovviamente, tanta frutta, verdura e legumi che, grazie a fibre, minerali e vitamine di cui sono naturalmente ricchi, hanno un ottimo effetto protettivo nei confronti del diabete». Gli elementi contenuti negli alimenti integrali rallentano la digestione, l’assorbimento dei carboidrati, rallentano lo svuotamento gastrico, influenzando positivamente la flora batterica intestinale, che può così contrastare l’infiammazione e produrre acidi grassi a catena corta che, riducendo a livello epatico la produzione di glucosio, ha benefici effetti sul controllo glicemico. Inoltre, il consumo di cereali integrali aiuta a ridurre il grasso accumulato e a tenere sotto controllo il peso, grazie al senso di maggiore sazietà che provocano e al miglioramento delle funzioni intestinali.

 

 

 

Fonte 18 ottobre 2011, Sanità News

Potrebbero interessarti

  • 20 marzo 2017Attenti a una dieta gluten free, quando non necessario!Mangiare senza glutine sta diventando di moda anche tra chi non ne ha bisogno. Questo comportamento potrebbe risultare non salutare nel lungo periodo, in particolare per chi è a rischio o soffre già di diabete di tipo 2. Posted in A tavola con il diabete
  • 11 marzo 2017Impariamo a leggere le etichette alimentariLeggere le etichette può contribuire alla prevenzione delle malattie: è possibile fare scelte più sane e più corrette in termini di apporto ed equilibrio tra i nutrienti e nel lungo termine questo può fare la differenza. Posted in Comportamento a tavola
  • 6 marzo 2017Diario indiano – In bicicletta col diabete di tipo 1L'arrivo a Jaipur, India, ci sconvolge immediatamente i sensi: l'udito è stordito dalla vita chiassosa della città e dai clacson perennemente in funzione nelle mani di guidatori spericolati; l'olfatto è deliziato dai profumi intensi del cibo di strada e poi mortificato dal tanfo di urina che proviene dagli orinatoi piazzati sulle pareti di vie pubbliche; il gusto è disorientato dalle […] Posted in For a piece of cake