“Angelo custode” hi-tech per diabetici

È stato presentato nei giorni scorsi al Senato un dispositivo elettromeccanico che avvisa il paziente diabetico in caso di calo eccessivo degli zuccheri; grande come un piccolo cellulare, controlla automaticamente i livelli di glucosio quasi trecento volte al giorno, in continuazione, anche durante il sonno. Gli oltre 200.000 malati di diabete di tipo 1 di tutte le età potranno avere così la sicurezza di non cadere nelle crisi ipoglicemiche che sono causa di perdita di conoscenza, convulsioni e anche di morte.
Il microinfusore, una specie di pancreas artificiale, arresta automaticamente per due ore l’infusione di insulina quando si accorge che il livello degli zuccheri sta scendendo sotto il livello di guardia e con un segnale acustico avvisa il paziente.
Oltre 50 paesi hanno approvato il dispositivo che in Italia è in uso su oltre 100 pazienti e presente in più di 200 centri per la diabetologia.

 

 

 

Fonte: 17 febbraio 2010, ansa.it

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 17 agosto 2017L’arrivo a Singapore e il significato di quella fetta di tortaUna fetta di torta è un piacere scontato per molti, ma non per chi soffre di diabete di tipo 1 e vive la sua vita in cerca di un difficile equilibrio glicemico influenzato da insulina, carboidrati e attività fisica. Posted in For a piece of cake
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia