Attività fisica contro l’ictus silenzioso

L’ictus silenzioso è una microlesione cerebrale che non ha sintomi immediatamente riconoscibili ma si può diagnosticare solo con specifici esami; negli anziani può causare danni al cervello con conseguenti problemi di memoria e difficoltà motorie. Una ricerca americana, condotta presso la Columbia University di New York, dimostra che una regolare attività fisica, da moderata a intensa, può abbassare del 40% le probabilità di incorrere in ictus silenziosi e mantenere così il cervello degli anziani in buona salute. I ricercatori americani, coordinati da Joshua Z. Willey, sono arrivati a questa conclusione dopo aver tenuto sotto osservazione oltre 1.200 soggetti, in particolare le loro abitudini sportive, e averli poi sottoposti a risonanza magnetica per rilevare eventuali mini ictus. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Neurology.

 

 
Fonte 8 giugno 2011, Sanità News

Potrebbero interessarti

  • 30 giugno 2017Sanità lombarda: oltre 3 milioni i pazienti cronici da gestireTra i pazienti seguiti dal medico di famiglia, 1 su 3 presenta almeno una patologia cronica, che richiede un continuo monitoraggio. La recente Delibera della Regione riconosce alla figura del Medico di Medicina Generale (MMG) un ruolo centrale nel nuovo sistema di cure finalizzato alla presa in carico dei soggetti con cronicità. Posted in Regioni
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 16 giugno 2017Il mondo invecchia: assistenza e gestione dell’anzianoDall’Osservatorio Nazionale della salute della DonnA (ONDA) la fotografia della “generazione d’argento”. Il 43% degli over 70 dichiara di essere soddisfatto della propria vita, 4 su 5 affermano di essere autosufficienti. Posted in Italia