Autocontrollo della glicemia: l’arma strategica del diabetico

L’autocontrollo a domicilio della glicemia rappresenta una vera e propria arma strategica per la persona diabetica, essenziale per elaborare insieme al proprio medico un percorso di trattamento personalizzato, ragionato e ragionevole perché studiato ad hoc per e insieme a quella singola persona diabetica affinché sia in grado di tenere sotto controllo il proprio diabete.

 

I valori della glicemia rappresentano un dato concreto utilizzabile sia dal medico che dal paziente, consentono una comunicazione bidirezionale medico-paziente aperta e onesta, con una scelta personalizzabile di mezzi per il controllo del diabete appropriata alle risorse culturali e tecnologiche di ciascuna persona: c’è chi si trova meglio ad utilizzare un diario da compilare a mano associato a  tabelle di correzione delle dosi, e chi, invece, preferisce utilizzare software più tecnologici e innovativi ma che richiedono un approccio friendly alla tecnologia che non tutte le persone hanno.

 

Che cosa consente l’autocontrollo della glicemia a domicilio?

Secondo quanto indicato dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e dalla Società Italiana di Diabetologia (SID) il regolare autocontrollo glicemico consente alla persona diabetica di imparare a:

  1. affrontare modificazioni del proprio stile di vita, dell’alimentazione e dell’attività fisica con appropriate variazioni della terapia
  2. identificare e trattare le urgenze (per esempio capire, prevenire e gestire gli episodi di ipoglicemia)
  3. prevenire e/o controllare episodi di scompenso glicemico nell’arco della giornata
  4. gestire efficacemente situazioni a rischio (per es malattie concomitanti)
  5. correggere in tempo reale eventuali errori
  6. gestire in modo appropriato la terapia concordata con il proprio medico.

 

Più si conosce il proprio diabete nei dettagli, e più si impara a controllarlo.


Come si insegna nello sport, è importante avere la determinazione e la grinta giuste per studiare a fondo il proprio avversario, perché se conosci il tuo avversario conosci anche i suoi limiti.
Non importa quanto forte sia, se lo conosci trovi i suoi punti deboli, ti spaventa di meno e scopri il modo per poterlo battere. Giorno per giorno. E spesso questa battaglia ti rende più forte.

 

Fonti

Raccomandazioni sull’uso dell’autocontrollo domiciliare della glicemia.
A cura dell’ Associazione Medici Diabetologi (AMD) – Società Italiana di Diabetologia (SID)

Potrebbero interessarti

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • TestimonianzeIo, il diabete e lo sport27 novembre 2016Fornire a tutti gli interessati uno strumento pratico che contenga cenni di base di fisiologia dello sport, indicazioni su come gestire alimentazione, autocontrollo della glicemia e terapia individuale, nozioni per praticare lo sport in sicurezza, informazioni per richiedere un certificato di idoneità medico-sportiva.

    Continua a leggere

  • ItaliaL’approccio multidisciplinare come scelta sostenibile nella gestione del diabete19 novembre 2016A Palermo, in occasione del VIII Convegno Nazionale della Fondazione dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), 17-19 novembre 2016, un Simposio dedicato alla cura del diabete come malattia ad alta incidenza epidemiologica e socio-sanitaria.

    Continua a leggere