Cambiamenti nella forma dei piedi

Con il passare del tempo, la forma dei piedi può cambiare per effetto della neuropatia, dello scarso apporto di sangue e determina una modificazione della pressione di appoggio della pianta del piede.

 

I segni più specifici

  1. Un’area di ispessimento plantare (ipercheratosi) che si forma quando vi è un aumento della pressione d’appoggio del piede e si associa ad un maggior rischio di ulcerazione del piede.
    Inoltre, l’ipercheratosi stessa si comporta come un corpo estraneo aumentando ulteriormente la pressione della pianta del piede in quella sede e aumentando il fattore di rischio di un’ulcera.
    Diverse misure si sono dimostrate efficaci per ridurre le callosità, in particolare l’utilizzo di metodiche di scarico della pressione plantare, con solette e scarpe adatte e la rimozione del callo.
    In Italia è prevista la prescrizione gratuita di un paio di scarpe protettive ogni 12 mesi e di un plantare su misura ogni 6 mesi per tutti gli individui con un’invalidità civile riconosciuta di almeno il 34%.
  2. Le deformità del piede, dovute alla neuropatia o alle precedenti amputazioni minori (parte del piede), rappresentano un importante fattore di rischio per la formazione dell’ulcera e per una nuova amputazione, soprattutto se ad esse si associa anche una scarsa irrorazione sanguigna. La storia di una precedente ulcerazione aumenta di 3 volte il rischio di una nuova ulcerazione.
    La chirurgia correttiva delle deformità e la stabilizzazione articolare si è dimostrata utile nel fermare il processo evolutivo della malattia.

 

La limitazione della mobilità articolare
In generale, la mobilità articolare nei pazienti diabetici può risultare limitata probabilmente a causa della glicazione delle proteine nelle articolazioni, nei tessuti molli e nella cute. Le deformità del piede, le anomalie della deambulazione e la limitata mobilità articolare sono tutte destinate a sfociare in un alterato carico biomeccanico del piede, con elevata compressione plantare e con un possibile aumento del carico trasversale.

 

piedeGriffe

 

Potrebbero interessarti

  • 24 marzo 2017Quando e perché si forma un’unghia incarnita?L’unghia incarnita o onicocriptosi, utilizzando un termine medico - dal greco onyx = unghia e kryptos = nascosta - , è un disturbo che colpisce le unghie dei piedi, con una maggiore prevalenza a carico dell’alluce, pur non escludendo le altre dita. Posted in Unghie e onicopatie
  • 13 febbraio 2017Unghie dei piedi: vasi e nerviA cura del dr. Claudio Fantauzzi, Podologo, Tivoli Terme (Roma). Le dita dei piedi sono irrorate e innervate da arterie e nervi digitali, dorsali e plantari.   Posted in Unghie e onicopatie
  • 2 febbraio 2017Struttura e funzioni delle unghieLe unghie di mani e piedi sono una particolare varietà di annessi cutanei, localizzati sulla falange distale delle dita. Oltre alla funzione protettiva quindi, esse contribuiscono a dare forza alle dita e agevolano la sensibilità tattile della presa e della motilità fine. Posted in Unghie e onicopatie