Cambiamenti nella forma dei piedi

Con il passare del tempo, la forma dei piedi può cambiare per effetto della neuropatia, dello scarso apporto di sangue e determina una modificazione della pressione di appoggio della pianta del piede.

 

I segni più specifici

  1. Un’area di ispessimento plantare (ipercheratosi) che si forma quando vi è un aumento della pressione d’appoggio del piede e si associa ad un maggior rischio di ulcerazione del piede.
    Inoltre, l’ipercheratosi stessa si comporta come un corpo estraneo aumentando ulteriormente la pressione della pianta del piede in quella sede e aumentando il fattore di rischio di un’ulcera.
    Diverse misure si sono dimostrate efficaci per ridurre le callosità, in particolare l’utilizzo di metodiche di scarico della pressione plantare, con solette e scarpe adatte e la rimozione del callo.
    In Italia è prevista la prescrizione gratuita di un paio di scarpe protettive ogni 12 mesi e di un plantare su misura ogni 6 mesi per tutti gli individui con un’invalidità civile riconosciuta di almeno il 34%.
  2. Le deformità del piede, dovute alla neuropatia o alle precedenti amputazioni minori (parte del piede), rappresentano un importante fattore di rischio per la formazione dell’ulcera e per una nuova amputazione, soprattutto se ad esse si associa anche una scarsa irrorazione sanguigna. La storia di una precedente ulcerazione aumenta di 3 volte il rischio di una nuova ulcerazione.
    La chirurgia correttiva delle deformità e la stabilizzazione articolare si è dimostrata utile nel fermare il processo evolutivo della malattia.

 

La limitazione della mobilità articolare
In generale, la mobilità articolare nei pazienti diabetici può risultare limitata probabilmente a causa della glicazione delle proteine nelle articolazioni, nei tessuti molli e nella cute. Le deformità del piede, le anomalie della deambulazione e la limitata mobilità articolare sono tutte destinate a sfociare in un alterato carico biomeccanico del piede, con elevata compressione plantare e con un possibile aumento del carico trasversale.

 

piedeGriffe

 

Potrebbero interessarti

  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 9 agosto 2017Diabete tipo 2 e attività in acqua: benefica per cuore, vasi e non soloCorrere o camminare in acqua, fare spinning, nuotare, son attività efficaci per migliorare il controllo della glicemia tanto quanto altri tipi di allenamento che magari piacciono di meno. Posted in Attività fisica e sport