Cambiamenti nella forma dei piedi

Con il passare del tempo, la forma dei piedi può cambiare per effetto della neuropatia, dello scarso apporto di sangue e determina una modificazione della pressione di appoggio della pianta del piede.

 

I segni più specifici

  1. Un’area di ispessimento plantare (ipercheratosi) che si forma quando vi è un aumento della pressione d’appoggio del piede e si associa ad un maggior rischio di ulcerazione del piede.
    Inoltre, l’ipercheratosi stessa si comporta come un corpo estraneo aumentando ulteriormente la pressione della pianta del piede in quella sede e aumentando il fattore di rischio di un’ulcera.
    Diverse misure si sono dimostrate efficaci per ridurre le callosità, in particolare l’utilizzo di metodiche di scarico della pressione plantare, con solette e scarpe adatte e la rimozione del callo.
    In Italia è prevista la prescrizione gratuita di un paio di scarpe protettive ogni 12 mesi e di un plantare su misura ogni 6 mesi per tutti gli individui con un’invalidità civile riconosciuta di almeno il 34%.
  2. Le deformità del piede, dovute alla neuropatia o alle precedenti amputazioni minori (parte del piede), rappresentano un importante fattore di rischio per la formazione dell’ulcera e per una nuova amputazione, soprattutto se ad esse si associa anche una scarsa irrorazione sanguigna. La storia di una precedente ulcerazione aumenta di 3 volte il rischio di una nuova ulcerazione.
    La chirurgia correttiva delle deformità e la stabilizzazione articolare si è dimostrata utile nel fermare il processo evolutivo della malattia.

 

La limitazione della mobilità articolare
In generale, la mobilità articolare nei pazienti diabetici può risultare limitata probabilmente a causa della glicazione delle proteine nelle articolazioni, nei tessuti molli e nella cute. Le deformità del piede, le anomalie della deambulazione e la limitata mobilità articolare sono tutte destinate a sfociare in un alterato carico biomeccanico del piede, con elevata compressione plantare e con un possibile aumento del carico trasversale.

 

piedeGriffe

 

Potrebbero interessarti

  • 13 giugno 2017Primi caldi: un vademecum per contrastare il colpo di caloreDurante le giornate afose, in luoghi dove il caldo e l’umidità raggiungono livelli critici, aumentano le probabilità di andare incontro ad un colpo di calore. Vediamone sintomi, primo soccorso e prevenzione. Posted in Viaggi e vacanze
  • 21 giugno 2017Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estateIl lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%). Posted in Diabete e prurito
  • 6 luglio 2017I.M.L. – Cooperativa Iniziativa Medica LombardaIML, iniziativa no profit, è in grado di offrire ai medici di famiglia tutti gli strumenti necessari per la gestione della cronicità che, da soli, non potrebbero avere. Si occupa della fornitura di strumenti informatici sempre più avanzati e di supporto al telemonitoraggio e alla telemedicina. Posted in Regioni