Come si risolve un’ipoglicemia breve?

In genere viene applicata la cosiddetta “Regola del 15”. In cosa consiste?

  • Innanzitutto si consiglia di interrompere qualsiasi attività si stia svolgendo, in particolare attività sportive, lavoro, guida.
  • Una volta raggiunto un posto tranquillo, si misura sempre la glicemia e poi si assumono, se si è un adolescente o un adulto 15 g di zuccheri semplici. Nei bambini 15 g potrebbero essere troppi quindi prima dell’assunzione è meglio calcolare la quantità precisa moltiplicando il peso del bambino in chilogrammi per il numero 0,3).
  • Il risultato rapido della correzione con 15 mg di carboidrati dovrebbe essere un incremento a circa 45 mg/dL della glicemia (va tenuto conto che nell’adulto 1 g di zucchero aumenta la glicemia di circa 3 mg).
  • Dopo 15 minuti si ricontrolla la glicemia: se il valore è inferiore ai 100 mg/dl o al livello concordato con il proprio medico, va assunta un’altra dose di 15 g di zuccheri. Se la glicemia è superiore ai 100 mg/dl, l’ipoglicemia è stata corretta.
  • Va considerato che l’effetto del trattamento può essere temporaneo, quindi è indispensabile continuare a misurare la glicemia ogni 15 minuti fino a quando non si rilevino due valori normali in assenza di ulteriore assunzione di zuccheri tra le due misurazioni.
  • In caso di ipoglicemia lieve, prima si interviene e prima i valori corretti della glicemia si ristabiliscono.

Potrebbero interessarti

  • 24 ottobre 2016Il diabete nei bambini “opprime” mamma e papàLa principale ansia per i genitori di un bambino con diabete? La riduzione del livello di zuccheri nel sangue e le crisi di ipoglicemia. È questo il vero incubo per 7 genitori su 10, secondo l’indagine internazionale DAWN Youth promossa da International Diabetes Federation (IDF) e International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD). Posted in Diabete di tipo 1
  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni