Diabete: bisogna aumentare la ricerca

Incrementare la ricerca per capire meglio la malattia e migliorare le terapie, questo l’auspicio dell’International Diabetes Federation che ha lanciato un appello che è stato già accolto dalla Fondazione Europea per lo Studio del Diabete (Efsd) in partnership con l’azienda farmaceutica Boehringer Inghelheim; per i prossimi tre anni sono stati stanziati 2,5 milioni di euro per progetti di approfondimento delle funzioni dei peptidi non-insulinici secreti dal pancreas, di ricerca sul ruolo e i meccanismi delle cellule pancreatiche non-beta e di valutazione delle relazioni fra la disfunzione renale e la patologia cardiovascolare nel diabete di tipo 2. Nel documento dell’International Diabetes Federation si sottolinea: “… L’enfasi dovrebbe essere rivolta ai metodi migliori e più economici per la dignosi precoce e per il monitoraggio permanente. Fondamentale, per esempio, trovare alternative alla portata di tutti per le strisce di glicemia e siringhe, che sono proibitive per la maggior parte dei paesi a basso e medio reddito. Abbiamo bisogno di sviluppare preparati insulinici e gestire i fattori di rischio per malattie cardiovascolari e renali”.

 

 

 

 

FonteDiabete Oggi n. 18, dicembre 2011  / gennaio 2012

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 27 aprile 2017Il Diabete giovanile: se ne parlerà il 6 maggio a NovaraObiettivo dell’incontro del 6 maggio è quello di far conoscere, condividere esperienze e saperne di più sul ‘mondo del diabete giovanile’, un tema che interessa sempre più famiglie italiane e che è particolarmente critico sia per il periodo delicato di crescita dell’adolescenza sia per lo stile di vita troppo spesso non adeguato. Posted in Fabio Braga