Diabete tipo 1: allo studio un test del respiro per diagnosticarlo prima

Un gruppo di scienziati dell’Università di Oxford sta sperimentando un dispositivo portatile capace di identificare in modo rapido il diabete di tipo 1, una condizione genetica che impedisce al corpo di produrre insulina, bloccando la corretta regolazione della glicemia (livello di zucchero nel sangue).

Secondo lo studio riportato sulla rivista inglese Journal of Breath Research, i ricercatori auspicano che questo test possa consentire una diagnosi precoce del diabete, prima che i piccoli pazienti si ammalino in modo grave e manifestino chetoacidosi diabetica.

Che cosa significa chetoacidosi ?
La chetoacidosi (in inglese “Diabetic Ketoacidosis”, DKA) è la presenza di corpi chetonici  (“acetone”) nel sangue della persona diabetica. Se l’insulina o il glucosio vengono completamente a mancare, le cellule “bruciano” i grassi. I prodotti di scarto che si producono vengono chiamati “corpi chetonici” e sono tossici per l’organismo. In parte vengono eliminati nelle urine (“chetonuria”), in parte ristagnano nel sangue (“chetonemia”) aumentandone l’acidità. E’ una condizione potenzialmente pericolosa.

Su quale scoperta si base il nuovo dispositivo?
I ricercatori hanno scoperto che esiste una sostanza chimica prodotta dai bambini che soffrono di diabete che si può rilevare dal respiro per via del suo caratteristico odore (un po’ come avviene per il test dell’etilometro, per valutare i livelli di alcol bevuto dagli automobilisti). Gli scienziati hanno condotto un test su 113 bambini e adolescenti, e hanno rilevato che nei soggetti con bassi livelli di insulina vengono prodotti più corpi chetonici, un segno precoce di chetoacidosi diabetica. Gli scienziati sperano quindi di poter presto utilizzare queste nuove informazioni per la creazione di un device portatile che possa favorire controlli regolari ai bambini con un sistema più accettabile dai piccoli e giovani soggetti.

Fonte
C Walton et al, The use of a portable breath analysis device in monitoring type 1 diabetes patients in a hypoglycaemic clamp: validation with SIFT-MS data. Journal of Breath Research Vol 8 (3), 2014

Potrebbero interessarti

  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali