Diabete tipo 1: allo studio un test del respiro per diagnosticarlo prima

Un gruppo di scienziati dell’Università di Oxford sta sperimentando un dispositivo portatile capace di identificare in modo rapido il diabete di tipo 1, una condizione genetica che impedisce al corpo di produrre insulina, bloccando la corretta regolazione della glicemia (livello di zucchero nel sangue).

Secondo lo studio riportato sulla rivista inglese Journal of Breath Research, i ricercatori auspicano che questo test possa consentire una diagnosi precoce del diabete, prima che i piccoli pazienti si ammalino in modo grave e manifestino chetoacidosi diabetica.

Che cosa significa chetoacidosi ?
La chetoacidosi (in inglese “Diabetic Ketoacidosis”, DKA) è la presenza di corpi chetonici  (“acetone”) nel sangue della persona diabetica. Se l’insulina o il glucosio vengono completamente a mancare, le cellule “bruciano” i grassi. I prodotti di scarto che si producono vengono chiamati “corpi chetonici” e sono tossici per l’organismo. In parte vengono eliminati nelle urine (“chetonuria”), in parte ristagnano nel sangue (“chetonemia”) aumentandone l’acidità. E’ una condizione potenzialmente pericolosa.

Su quale scoperta si base il nuovo dispositivo?
I ricercatori hanno scoperto che esiste una sostanza chimica prodotta dai bambini che soffrono di diabete che si può rilevare dal respiro per via del suo caratteristico odore (un po’ come avviene per il test dell’etilometro, per valutare i livelli di alcol bevuto dagli automobilisti). Gli scienziati hanno condotto un test su 113 bambini e adolescenti, e hanno rilevato che nei soggetti con bassi livelli di insulina vengono prodotti più corpi chetonici, un segno precoce di chetoacidosi diabetica. Gli scienziati sperano quindi di poter presto utilizzare queste nuove informazioni per la creazione di un device portatile che possa favorire controlli regolari ai bambini con un sistema più accettabile dai piccoli e giovani soggetti.

Fonte
C Walton et al, The use of a portable breath analysis device in monitoring type 1 diabetes patients in a hypoglycaemic clamp: validation with SIFT-MS data. Journal of Breath Research Vol 8 (3), 2014

Potrebbero interessarti

  • 14 aprile 2017La psoriasi nella persona diabeticaLa psoriasi è una patologia infiammatoria cronica della cute, ricorrente, mai contagiosa, molto diffusa che colpisce prevalentemente la cute e suoi annessi, articolazioni e più raramente mucose (orale, genitale). Posted in Diabete e prurito
  • 11 marzo 2017Qi gong. Uno strumento prezioso per la salute e il benessereNon sono un maestro né mai lo sarò. Neppure vorrei esserlo. E i motivi sono innumerevoli. Per cui, parafrasando un grande delle letteratura (lui sì, maestro…) “così è se vi pare…” Essere maestri implica conoscenza, umiltà, costanza, amore per gli altri. In me non credo coesistano tanti valori. Una cosa però è certa: a questo mondo vorrei esprimere il mio umile punto di vista. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1