Dimagrire a qualsiasi età fa bene a cuore e vasi

Maggiore è il grasso viscerale (intorno al girovita) in età adulta, maggiore è il rischio per cuore e vasi man mano che passano gli anni: aumento del rischio di diabete e obesità, aumento di spessore delle carotidi, aumento dellapressione arteriosa sistolica, aumento di colesterolo e altri lipidi nel sangue (iperlipidemia) etc.

Questi i risultati di un ampio studio inglese che ha indagato l’impatto delle variazioni di peso sui fattori di rischio cardiovascolari in un gruppo di 1.273 uomini e donne che sono stati seguiti dalla nascita (1946) ad oggi. Oltre a confermare i risultati di altri studi precedenti, gli Autori hanno sottolineato che gli adulti che perdono peso in un qualsiasi momento della vita (passando da obesi a sovrappeso o da sovrappeso a normopeso), riducono le conseguenze su cuore e vasi anche se in seguito tendono a riguadagnare i chili persi.

I partecipanti allo studio, denominato National Survey of Health and Development (NSHD) sono stati classificati come normopeso, sovrappeso oppure obesi e osservati in vari momenti della vita: durante l’infanzia e a 36, 43, 53 e tra 60 e 64 anni di età. Negli ultimi anni di osservazione è stato misurato lo spessore dell’intima carotidea, ovvero la membrana più interna del vaso che rappresenta un valido indicatore (marker) per valutare l’effetto dell’esposizione al grasso in eccesso in termini di rischio su cuore e vasi con l’avanzare dell’età.

Sovrappeso e obesità rappresentano i maggiori fattori di rischio per lo sviluppo di diabete di tipo 2 e per malattie cardiovascolari.

L’esposizione prolungata all’eccesso di peso sembra avere effetti cumulativi,
che tendono a peggiorare alterazioni del metabolismo come la resistenza all’insulina, la dislipidemia, e l’infiammazione dei tessuti.

John Deanfield dell’University College of London (UCL), coordinatore dello studio, ha concluso l’indagine sottolineando che seguire i pazienti per oltre 60 anni «Seguendo i pazienti per oltre 60 anni “…ci ha consentito di valutare l’effetto dell’adiposità nella vita reale, indicando che la perdita di peso a qualsiasi età porta benefici cardiovascolari a lungo termine.” Questi risultati incoraggianti sottolineano ancora una volta l’importanza di mantenere il proprio peso corporeo entro un range normale in tutte le stagioni della vita, prevenendo il suo aumento con un’alimentazione sana e una regolare attività fisica; evidenziano, inoltre, l’importanza da parte delle istituzioni di elaborare strategie di prevenzione come priorità per le politiche della sanità pubblica.
Fonti:
Charakida M et al – Lifelong patterns of BMI and cardiovascular phenotype in individuals aged 60—64 years in the 1946 British birth cohort study: an epidemiological study. The Lancet Diabetes & Endocrinology, Early Online Publication, 21 May 2014

Cespedes EM, Hu FB – Adiposity and cardiovascular risk: a lifecourse perspective. The Lancet Diabetes & Endocrinology, Early Online Publication, 21 May 2014

Potrebbero interessarti

  • Indici e calcoli, Area interattivaGirovita: diamogli un taglio11 novembre 2016Maniglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore.

    Continua a leggere

  • Diabete al femminileLa medicina di genere14 novembre 2016La Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute.

    Continua a leggere

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere