Esposizione ad agenti inquinanti aumenta rischio diabete

L’esposizione a inquinanti ambientali aumenta il rischio di diventare prediabetici e di sviluppare il diabete di tipo 2, questa è quanto sostenuto da un gruppo di ricercatori della Slovak Academy of Sciences di Bratislava.
Gli esperti sono giunti a questa conclusione in seguito a uno studio che ha coinvolto 2047 persone che nel corso dei 40 anni precedenti erano stati esposti ad alti livelli di inquinamento agricolo o industriale.
Esaminando i livelli relativi a cinque agenti inquinanti (PCBs, DDE, DDT, HCB, e β-HCH) i ricercatori hanno notato che gli individui che risultavano avere un livello maggiore di queste sostanze nel corpo erano esposti a un rischio più elevato di diventare prediabetici e diabetici di tipo 2.
In definitiva i soggetti con alti livelli di agenti inquinanti mostravano un rischio di prediabete triplo e di diabete di tipo 2 addirittura di sei volte superiore rispetto a coloro che avevano bassa concentrazione di elementi inquinanti nell’organismo.
Secondo i ricercatori è quindi possibile che gli inquinanti industriali e agricoli possano influenzare la prevalenza di prediabete e di diabete tipo 2.

 

 
Fonte: 1 marzo 2010, Diabetologia; Advance online publication

Potrebbero interessarti

  • 19 aprile 2017Diabete e obesità (diabesità): malattie sociali dal notevole impattoL’ Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, in collaborazione con Istat, ha presentato a Roma, la 10° Edizione dell’Italian Diabetes & Obesity Barometer Report. Posted in Mondo, Europa
  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa