Il computer-pancreas artificiale anche non in ospedale

Un sensore che rileva la glicemia a intervalli regolari, un piccolo computer (grande come un telefono cellulare) che decide la dose di insulina e un microinfusore pronto a erogarla quando è necessario, sotto la cute sull’addome: questi gli elementi del sistema che ha consentito, per la prima volta al mondo, a due persone con diabete di controllare il proprio stato fuori dall’ospedale. L’esperimento si è svolto a Padova, dove due giovani, un’italiana e un francese, hanno trascorso la notte fuori dall’ospedale, in un vicino albergo, con il nuovo ‘pancreas artificiale’ portatile; pronti ad assisterli in caso di necessità erano il bioingegnere Claudio Cobelli e la dietologa Daniela Bruttomesso, dell’Università di Padova. Il commento della giovane è stato: «La rivoluzione è iniziata e io sono fiera di esserci dentro».

 

 
Fonte8 novembre 2011, La Repubblica Salute

Potrebbero interessarti

  • 30 giugno 2017Gli ultimi 1000 km di spiagge, Ramadan e grattacieliCi troviamo in Malesia dopo un anno di avventure sui pedali: sono passati 17.000 km sotto le nostre ruote e questo mondo incredibile non ha ancora finito di stupirci. Dopo la parentesi cambogiana siamo rientrati in Thailandia e ne abbiamo seguito fedelmente la costa. Posted in For a piece of cake
  • 29 maggio 2017Storie di frutta e zuccheri in ThailandiaNell'immaginario collettivo la Thailandia è rappresentata da spiagge bianche, acque limpide e isole tropicali. Allora come abbiamo fatto io e Riccardo a gironzolare in questo meraviglioso Paese per oltre un mese e mezzo, innamorarcene e non vedere nemmeno un briciolo di mare? Posted in For a piece of cake
  • 6 giugno 2017Caro diario, dopo sedici anni e tanti chilometri…20 aprile 2017, Otres Beach, Cambogia: Memories…. È cominciato tutto sedici anni fa, proprio dopo le feste di Natale. Avevo appena compiuto 11 anni, facevo ginnastica artistica a livello dilettantistico e un senso di costante debolezza aveva spinto i miei genitori a farmi fare le analisi del sangue. Intanto stavo anche dimagrendo e, per evitare di scendere sotto a quei pochi quaranta […] Posted in For a piece of cake