Il computer-pancreas artificiale anche non in ospedale

Un sensore che rileva la glicemia a intervalli regolari, un piccolo computer (grande come un telefono cellulare) che decide la dose di insulina e un microinfusore pronto a erogarla quando è necessario, sotto la cute sull’addome: questi gli elementi del sistema che ha consentito, per la prima volta al mondo, a due persone con diabete di controllare il proprio stato fuori dall’ospedale. L’esperimento si è svolto a Padova, dove due giovani, un’italiana e un francese, hanno trascorso la notte fuori dall’ospedale, in un vicino albergo, con il nuovo ‘pancreas artificiale’ portatile; pronti ad assisterli in caso di necessità erano il bioingegnere Claudio Cobelli e la dietologa Daniela Bruttomesso, dell’Università di Padova. Il commento della giovane è stato: «La rivoluzione è iniziata e io sono fiera di esserci dentro».

 

 
Fonte8 novembre 2011, La Repubblica Salute

Potrebbero interessarti

  • For a piece of cake4500 km di pedalate, con un orizzonte diverso ogni giorno26 settembre 2016È ormai da tre mesi che ogni mattina ci svegliamo in un posto diverso, facciamo colazione su un tavolo diverso, con pane diverso e té diverso (la Nutella no, è sempre uguale!). Sia io che Riccardo abbiamo spirito di adattamento da vendere e questa costante aria di novità, di prima volta, anziché stancarci, ci sta assuefacendo.

    Continua a leggere

  • Diabete di tipo 1Il diabete di tipo 1 in Italia23 ottobre 2016Sono 18mila, secondo i dati della Siedp, i bambini e gli adolescenti colpiti in Italia dal diabete tipo 1, la forma più grave della malattia che richiede la somministrazione dell’insulina, attraverso iniezioni da quattro a sei volte al giorno oppure l’impiego del microinfusore.

    Continua a leggere

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere