La tiroide nella terza età

La tiroide nella terza età

Le disfunzioni della tiroide, in eccesso o in difetto, aumentano con l’avanzare degli anni. Nella terza età la percentuale dei pazienti con disfunzioni della tiroide, lievi o gravi, supera il 15% ed in considerazione della particolare influenza che tali disfunzioni hanno sul benessere del paziente e sull’equilibrio cardiovascolare, sarebbe necessaria una diagnosi tempestiva e la rapida correzione farmacologica, quando necessario.

 

Negli anziani, purtroppo, le manifestazioni cliniche sia dell’ipotiroidismo che dell’ipertiroidismo sono abbastanza differenti dai soggetti più giovani e pertanto il sospetto diagnostico non è sempre automatico. Come casi atipici si possono avere l’ipotiroidismo che si manifesta con soli sintomi psichiatrici o l’ipertiroidismo “apatetico” in cui il paziente è poco reattivo in contrasto con quelli che sono i sintomi di eretismo psichico (stato di esagerata eccitabilità psichica) e cardiovascolari caratteristici.

Inoltre, le comorbilità (patologie associate) e le complesse terapie farmacologiche degli anziani possono rendere ancora più complesso e meno tipico il quadro clinico e quindi meno facile la diagnosi. Benchè le Società Scientifiche non abbiano ancora raggiunto una visione univoca sullo screening universale di funzione tiroidea nei soggetti anziani, sembra opportuno consigliare il dosaggio del semplice TSH in soggetti paucisintomatici, al fine di confermare il sospetto di disfunzioni tiroidea, e rimandare le indagini più approfondite ai casi in cui il TSH risulta alterato.

 

 

Fonte

Contributo originale del dr. Rinaldo Guglielmi, Presidente Associazione Medici Endocrinologi (AME) in occasione della Settimana Mondiale della Tiroide, 23-27 maggio 2016

Potrebbero interessarti

  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 10 luglio 2017Diabete in Italia: a parità di cure, risultati meno soddisfacenti nelle donnePresentata a Bruxelles, nell’ambito di un’audizione parlamentare sulle differenze di genere in medicina, un’analisi del Gruppo Donna AMD su un campione di oltre 470mila pazienti italiani, svolta da circa un terzo dei Centri diabetologici italiani. Posted in Diabete al femminile