Minori i rischi di ictus da colesterolo per le donne rispetto agli uomini

L’aumento del livello dei trigliceridi a digiuno si può associare nelle donne direttamente al rischio di ictus ischemico mentre la crescita del livello di colesterolo aumenta il rischio di ictus per gli uomini e in misura minore per le donne: questa la conclusione della ricerca Copenhagen City Heart Study condotta su oltre 13mila soggetti e pubblicata su Annals of Neurology.
La ricerca danese dimostra che livelli di colesterolo superiori a 348 mg per decilitro possono rappresentare per gli uomini un rischio di ictus maggiore fino a quattro volte mentre questo non accade per le donne; ai trigliceridi, invece, si deve l’aumento dopo i pasti delle lipoproteine (Ldl, il colesterolo ‘cattivo’) che costituiscono le placche che si formano sulle arterie, indurendole.
Per questa ragione gli studiosi danesi ritengono importante misurare dopo i pasti il livello dei trigliceridi. Marianne Benn, del Copenhagen University Hospital, puntualizza: «Le attuali linee guida sulla prevenzione dell’ictus raccomandano attenzione sui livelli ottimali di colesterolo ma non su quelli dei trigliceridi non a digiuno!».

 

 

Fonte 21 febbraio 2011, Sanità News ISS

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 11 dicembre 2017Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutatoLe persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa