Quali obiettivi stabilire?

Due sono gli errori più comuni (e non vale solo per i diabetici ma per tutti!) che si tende a commettere quando si inizia un’attività fisica o sportiva: fissarsi degli obiettivi esagerati e cercare di raggiungerli in un tempo troppo breve. Per evitare di incappare in questi errori, talvolta è importante ricordare che:

    • L’obiettivo prioritario è quello di migliorare la propria salute
      e mantenersi in buona forma psico-fisica e non diventare dei campioni o vincere le Olimpiadi.

 

    • La prima cosa da fare è individuare il proprio scopo
      ovvero che cosa si vuole ottenere: rilassamento, miglioramento della forma fisica, perdita di peso superalo, abbassamento della pressione arteriosa, riduzione dei livelli di colesterolo

 

    • E’ fondamentale fissarsi degli obiettivi concreti, realistici
      e raggiungibili elaborando un piano di attività personalizzato sulle proprie esigenze e abitudini.

 

    • La strategia dei piccoli passi è quella vincente.
      Piccole ma graduali gratificazioni derivanti dagli obiettivi raggiunti garantiranno una maggiore motivazione a continuare l’allenamento in modo progressivo e con crescente difficoltà.

 

    • Scegliere attività che piacciano e che divertano e che si è in grado di praticare è un altro punto molto importante che aiuterà a preparare un piano realistico.

 

    • Organizzare l’attività scelta in base ai propri impegni
      in modo da riuscire a praticarla con più facilità ma anche soddisfazione

 

    • Elaborare un piano scritto
      può essere utile a ricordare gli obiettivi e a documentare i successi e i progressi raggiunti. E’ utile darsi delle scadenze e al termine di ciascuna fare un bilancio

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 28 novembre 2017Disponibile anche in Italia la nuova terapia orale contro l’obesitàSi tratta dell’associazione naltrexone-bupropione, in compresse, utilizzata già da anni in altri Paesi e da novembre 2017, accessibile anche in Italia. All’ultimo congresso della Società Italiana dell’Obesità c’era molta attesa per questa nuova opzione terapeutica che essendo in compresse consente una somministrazione semplice e accettabile da parte del paziente con obesità. Posted in Terapia dell'obesità
  • 23 ottobre 2017#GMD17/#WDD17 – La giornata mondiale del diabete 2017La giornata mondiale del diabete – il 14 novembre 2017 - quest’anno è dedicata alle donne. In realtà la campagna di sensibilizzazione “IL NOSTRO DIRITTO AD UN FUTURO PIÚ SANO. AGISCI OGGI PER CAMBIARE DOMANI” durerà dal 6 al 18 novembre 2017. Posted in EVENTI - 2017