Quali sono i campanelli d’allarme per l’IVC?

I primi sintomi di IVC includono frequente sensazione di stanchezza e pesantezza alle gambe, soprattutto nelle ore serali e dopo una lunga postura in posizione eretta. I sintomi tendono a scomparire dopo il riposo. Possono comparire da soli e, in certi casi, anche associati. Se trascurati, possono progressivamente peggiorare e dare luogo a complicazioni più o meno gravi e dolorose.

 

Un crescendo di sintomi …. che è importante riconoscere e prevenire.
Non si tratta solo di un problema estetico ma di un problema di salute.
Se hai uno più di questi sintomi parlane con il tuo medico.

Insufficienza venosa cronica Evoluzione dei Sintomi

 

 

Quali sono le possibili complicanze?

Quando i primi sintomi della IVC sono trascurati o non trattati adeguatamente, nel tempo possono favorire la comparsa di capillari superficiali (teleangiectasie), varicosità, fenomeni di pigmentazione cutanea, rottura dei vasi ed ulcerazione dei tessuti molli, sanguinamenti ed eczemi. La complicanza più grave è la trombosi venosa profonda (presenza di un trombo in una vena profonda) che aumenta il rischio di embolia polmonare, con distacco di un embolo che – attraverso il sangue – arriva ad ostruire un vaso della circolazione polmonare, con conseguenze, talvolta, anche fatali.

Queste complicanze dovrebbero far capire quanto sia insidiosa questa patologia che viene spesso sottovalutata e – soprattutto nelle prime fasi, considerata un semplice problema estetico. Spesso, anche da parte dei medici, non se ne percepiscono le possibili conseguenze. Si tratta, in realtà, di un fenomeno di grande impatto sociale e sanitario, con ricadute importanti sulla salute e sui costi per la persona che ne soffre e per la collettività. Le persone, e in modo particolare le donne, non sono molto informati sui rischi che si nascondono dietro ai primi segni della malattia, quelli ritenuti molto spesso ed erroneamente, solo antiestetici. In realtà, non dando la dovuta importanza a questi segni, anche in considerazione dei costo dei farmaci per curarli, si rischia che vengano considerati solo inestetismi legati all’età che avanza e di tramutino poi nel tempo in disturbi gravi che necessitano di un ricovero ospedaliero.

 

 

Fonti

– Sandra Lorenzi – Le patologie dermatologiche da insufficienza venosa 
– MANUALE DI ANGIOLOGIA PER LO STUDENTE DI MEDICINA
–  Insufficienza venosa cronica (I.V.C.)  – La diagnosi. Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Catania
– Humanitas Gavazzeni – L’insufficienza venosa cronica
– Progetto ASCO – Insufficienza Venosa Cronica
– Nicola Renzo Laurora – Malattia venosa cronica
– National Heart, Lung, and Blood Institute
– Vascular Disease Foundation

 

 

Potrebbero interessarti

  • 30 settembre 2017Una buona prevenzione del diabete passa anche dalla salute della boccaTenere sotto controllo la parodontite aiuta a ridurre l’emoglobina glicata dello 0,4%. Lo hanno sottolineato i Diabetologi riuniti a Genova in occasione del convegno “Diabete e parodontopatia: una relazione biunivoca”, promosso dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD). Posted in Denti e gengive
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 28 novembre 2017Disponibile anche in Italia la nuova terapia orale contro l’obesitàSi tratta dell’associazione naltrexone-bupropione, in compresse, utilizzata già da anni in altri Paesi e da novembre 2017, accessibile anche in Italia. All’ultimo congresso della Società Italiana dell’Obesità c’era molta attesa per questa nuova opzione terapeutica che essendo in compresse consente una somministrazione semplice e accettabile da parte del paziente con obesità. Posted in Terapia dell'obesità