Resistenza all’insulina predice rischio di disturbi all’arteria coronarica

La resistenza all’insulina è un fattore che predice la progressione della calcificazione dell’arteria coronarica, la quale viene a sua volta considerata un segnale di avanzamento della malattia all’arteria coronarica.
A rivelarlo sono stati Keane Lee, della Stanford University School of Medicine, in California, e i suoi collaboratori, in seguito a una ricerca condotta di recente. Lo studio, durato due anni, si è basato su un gruppo di 869 persone tra i 60 e i 72 anni, sane e senza disturbi cardiocircolatori, alle quali è stato chiesto di rispondere a un’indagine circa le diagnosi mediche, l’utilizzo di farmaci e i fattori di rischio per disturbi all’arteria coronarica.
Tali fattori di rischio risultavano essere piuttosto diffusi nel gruppo di studio: il 44% ha infatti segnalato problemi di ipertensione, il 38% di dislipidemia, il 17% di diabete, il 58% ha segnalato di essere o essere stato un fumatore e il 46% ha comunicato familiarità per la malattia.
I risultati dello studio hanno quindi confermato le ricerche precedenti che individuavano nei fattori di rischio sopra elencati dei segnali predittori per la progressione della calcificazione coronarica, aggiungendo inoltre la resistenza insulinica come ulteriore fattore di rischio.
Un altro dato interessante registrato dai ricercatori è stato la tendenza delle persone Afro-Americane a subire una progressione della calcificazione significativamente più lenta rispetto agli Europei.
Resta tuttavia da capire se e come i trattamenti per ridurre la resistenza insulinica possano migliorare anche la salute del sistema cardiocircolatorio

 

 
FonteAmerica Heart Journal 2009 ; 157: 939-945

Potrebbero interessarti

  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie