Resistenza all’insulina predice rischio di disturbi all’arteria coronarica

La resistenza all’insulina è un fattore che predice la progressione della calcificazione dell’arteria coronarica, la quale viene a sua volta considerata un segnale di avanzamento della malattia all’arteria coronarica.
A rivelarlo sono stati Keane Lee, della Stanford University School of Medicine, in California, e i suoi collaboratori, in seguito a una ricerca condotta di recente. Lo studio, durato due anni, si è basato su un gruppo di 869 persone tra i 60 e i 72 anni, sane e senza disturbi cardiocircolatori, alle quali è stato chiesto di rispondere a un’indagine circa le diagnosi mediche, l’utilizzo di farmaci e i fattori di rischio per disturbi all’arteria coronarica.
Tali fattori di rischio risultavano essere piuttosto diffusi nel gruppo di studio: il 44% ha infatti segnalato problemi di ipertensione, il 38% di dislipidemia, il 17% di diabete, il 58% ha segnalato di essere o essere stato un fumatore e il 46% ha comunicato familiarità per la malattia.
I risultati dello studio hanno quindi confermato le ricerche precedenti che individuavano nei fattori di rischio sopra elencati dei segnali predittori per la progressione della calcificazione coronarica, aggiungendo inoltre la resistenza insulinica come ulteriore fattore di rischio.
Un altro dato interessante registrato dai ricercatori è stato la tendenza delle persone Afro-Americane a subire una progressione della calcificazione significativamente più lenta rispetto agli Europei.
Resta tuttavia da capire se e come i trattamenti per ridurre la resistenza insulinica possano migliorare anche la salute del sistema cardiocircolatorio

 

 
FonteAmerica Heart Journal 2009 ; 157: 939-945

Potrebbero interessarti

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • ItaliaCura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?19 novembre 2016L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro.

    Continua a leggere

  • Indici e calcoli, Area interattivaGirovita: diamogli un taglio11 novembre 2016Maniglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore.

    Continua a leggere