Rischio diabete in gravidanza: un aiuto dai probiotici

Il British Journal of Nutrition ha pubblicato i risultati di uno studio condotto dal dottor Raakel Luoto dell’Università di Turku (Finlandia) secondo cui il problema di tante gestanti di avere elevati livelli di zucchero nel sangue – il diabete gestazionale – può essere risolto dall’uso di probiotoci che potrebbero ridurlo del 20%. Questa misura precauzionale preserverebbe la madre dal rischio di sviluppare dopo il parto il diabete di tipo 2 e il nascituro da quello di incorrere nell’obesità infantile e successivamente anche nel diabete.
Lo studio è stato condotto su oltre 200 donne e ha dimostrato che la buona salute della flora microbica intestinale di mamma e bimbo può essere ottenuta con un’alimentazione equilibrata durante la gravidanza e l’allattamento e che i suoi benefici si potranno prolungare nel tempo. Inoltre, l’uso di probiotici non ha avuto effetti nocivi e non ha influito sulla durata delle gravidanze. Il dottor Luoto ha dichiarato che «Secondo le attuali conoscenze, un’attenta dieta perinatale e l’assunzione di probiotici potrebbero rappresentare uno strumento efficace ed economico per affrontare l’attuale epidemia di obesità».

 

 

 

Fonte: 17 febbraio 2010, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 3 febbraio 2017Microbiopassport® : che cos’è e quando può servireIl Microbiopassport® è un semplice test che ci consente di conoscere la composizione della nostra flora intestinale (oggi chiamata più propriamente ”microbiota”), un patrimonio unico per ciascuno di noi. Posted in Diagnosi
  • 16 febbraio 2017Corso di acquaticità aperto alle future mamme con diabeteAll’Ospedale Niguarda di Milano è possibile partecipare a un corso di acquaticità in gravidanza rivolto alle gestanti con diabete (sia gestazionale, sia pre-gestazionale, di tipo 1 o 2) che vogliono prepararsi o migliorare il lungo periodo della gravidanza, ricavandone grandi benefici per se stesse e per il futuro neonato! Posted in Diabete gestazionale
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia