Sono diabetico e so che il movimento fa bene ma non amo gli sport: che cosa posso fare?

L’attività fisica fa bene a tutti e a maggior ragione a chi ha il diabete. Sono molti gli studi che ne hanno dimostrato l’efficacia del movimento regolare nel tenere sotto controllo il diabete, quando associato ad una dieta adeguata. Praticare un’attività fisica non significa necessariamente fare sport o allenarsi per le olimpiadi ma più semplicemente ricavarsi un’attività adatta al proprio stile di vita e svolgerla regolarmente. Un buon punto di partenza può essere quello di consultare il personale di una palestra o di un centro fitness che ha una formazione specifica al riguardo. Si potrà così ottenere un programma personalizzato per migliorare la propria forma fisica, riducendo anche il peso corporeo, cosa importante soprattutto se si parla di diabete di tipo 2 che si associa quasi sempre al sovrappeso.

Ecco anche un elenco di possibili alternative alla palestra e al centro fitness:

 

  • Quando è possibile, meglio camminare anziché usare l’auto. Una sana camminata, se fatta regolarmente, diventa un’ottima abitudine, è un’attività fisica economica e si può fare anche in compagnia. Secondo l’OMS l’ideale è fare 3 camminate alla settimana, di almeno mezz’oretta, a passo rapido.
  • Prediligere le scale piuttosto che l’ascensore.
  • Andare a piedi da casa al lavoro e viceversa oppure scendere dall’autobus una o due fermate prima e fare il resto a piedi.
  • Se si ha un cane, portarlo a passeggio più spesso e più a lungo.
  • Considerare l’idea di acquistare una bicicletta per gli spostamenti o una cyclette che si può usare mentre si guarda la TV invece di sdraiarsi passivamente sul divano.
  • Frequentare regolarmente una piscina magari facendo un corso di acquagym.
 L’ acquagym è una delle discipline consigliate per tutti ed in particolare per le persone in sovrappeso, le donne in gravidanza e le persone anziane, anche con diabete. Sostenuto dall’acqua, infatti, il corpo diventa più leggero e può compiere senza sforzi movimenti che all’asciutto sarebbero impossibili.

Potrebbero interessarti

  • 27 novembre 2016Il diabete…. Un fulmine a ciel sereno!Il diabete di tipo 2 per me è stato un fulmine a ciel sereno! Un fulmine a ciel sereno perché, tra le tante fregature che la vita mi ha “donato”, quella del diabete non l’avevo proprio considerata. Nemmeno un po’. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere
  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni