Tempi duri per i fanatici del caffè, c’è il rischio diabete

Il caffè e la pausa caffè, specialmente nel nostro bel Paese, è un rito a cui difficilmente si rinuncia. Oggi però per i fanatici del liquido bruno ci sono brutte notizie. Vi siete mai chiesti il perché di quello strano mal di testa? O perché vi sentite più stanchi del solito o di malumore?
La risposta potrebbe celarsi proprio dietro alla tazzina. Secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Psychopharmacology, infatti , indugiare spesso nel conforto di una tazza fumante di caffè fa espandere i vasi sanguigni della testa con conseguente manifestazione di diversi e indesiderati sintomi come quelli citati poc’anzi.
”Una costante assunzione elevata di caffeina” sottolinea il ricercatore australiano Dottor Russell Keast “può addirittura diminuire la fermezza della mano e aumentare l’ansia”. Senza contare che 400 mg di caffeina al giorno per una settimana possono diminuire del 35% la sensibilità all’insulina; il che può comportare un rischio di sviluppare il diabete, secondo un altro studio della Dartmouth Medical School di Hanover.
Come fare però a limitare l’assunzione di caffeina senza dover rinunciare alla tanto amata tazzina? Il consiglio che arriva dal Dottor Chad Reissig, medico della Johns Hopkins University, è quello di preparare un blocco notes su cui scrivere tutte le potenziali fonti di caffeina con cui potremmo venire a contatto durante la giornata, a parte il caffè. Tra queste, ricorda lo scienziato, ci sono per esempio le bevande energizzanti e altri tipi di bevande. Poi, ovviamente, cercare degli eventuali sostituti al caffè senza dover per forza rinunciare alla pausa. Ci sono le bevande decaffeinate, per esempio, o altre come l’orzo. All’inizio si può provare una miscela basata su una percentuale di decaffeinato (per es. il 10%) e il resto di bevanda tradizionale, aumentando via via la presenza del decaffeinato, suggerisce Reissig. Insomma, se proprio non riusciamo a fare a meno della pausa caffè, ma vogliamo evitare i problemi della caffeina, prendiamoci una “pausa” e basta… però facciamo almeno finta di bere il caffè.
 
Fonte: 25 novembre 2009, affaritaliani.it

Potrebbero interessarti

  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 18 gennaio 2017La dermopatia diabetica (“shin spots”): che cos’è?Il diabete di tipo 2, essendo una malattia metabolica, ha conseguenze su molti organi del nostro corpo, compresa la cute. La dermatopatia diabetica è tra le manifestazioni cutanee più comuni tra i diabetici di lunga data. Posted in Diabete e prurito
  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi