Tomografia ottica computerizzata: diagnosi precoce della retinopatia?

Tomografia ottica computerizzata: diagnosi precoce della retinopatia?

La tomografia ottica computerizzata o OCT potrebbe essere un esame utile nel diagnosticare con grande anticipo la retinopatia diabetica.

Un recente studio ha esaminato l’associazione tra diabete di tipo 2 e retinopatia diabetica con la perdita di cellule dei gangli della retina. Tale perdita è stata valutata con la Tomografia Ottica Computerizzata (OCT dall’inglese Optical Coherence Tomography), chiamata anche Tomografia ottica a radiazione coerente. Si tratta di una tecnica di diagnosi per immagini non invasiva che consente di ottenere delle scansioni della cornea e della retina per la diagnosi ed il follow-up di numerose patologie della cornea e della retina. Viene utilizzata per la diagnosi preoperatoria e nel follow-up postoperatorio di numerose delle patologie oculari che richiedono un intervento chirurgico.

Lo studio ha coinvolto 227 pazienti con diabete di tipo 2 in confronto a 227 soggetti di pari età ma senza diabete, di età media 58 anni.

Secondo quanto riportato dagli Autori dello studio, l’utilizzo della Tomografia Ottica Computerizzata consente di identificare delle alterazioni microscopiche e asintomatiche delle fibre nervose della retina che, come documentato da studi precedenti, anticipano le lesioni dei vasi sanguigni, tipicamente associate alla presenza di retinopatia diabetica. Grazie a queste nuove evidenze, la Tomografia Ottica Computerizzata potrebbe diventare un esame utile per individuare tale complicanza diabetica nelle prime fasi del danno e consentire, quindi, un intervento più efficace in una fase più precoce rispetto all’alterazione dei vasi della retina con notevoli benefici nel contrastare l’evoluzione progressiva della complicanza oculare e nel preservare la qualità di vita della persona con diabete.

 

 

Per maggiori informazioni sulla Tomografia Ottica Computerizzata, vai alla pagina
Tomografia ottica computerizzata (OCT) di Humanitas Centro Oculistico

 

 

Fonte

Ng DS, Chiang PP et al – Retinal Ganglion Cell Neuronal Damage in Diabetes and Diabetic Retinopathy. Clin Experiment Ophthalmol 2016 Feb 12

 

Potrebbero interessarti

  • 18 febbraio 2018Il diabete mellito aumenta il rischio di infezioniLe persone che soffrono di diabete sono più a rischio di infezioni, comprese quelle di particolare gravità localizzate alle articolazioni e alle ossa, oltre alle endocarditi (infezioni dell'endocardio, il tessuto che riveste le cavità interne e le valvole del cuore), alle infezioni cutanee, al piede, alle basse vie respiratorie, alle vie urinarie e alle sepsi. Posted in Infezioni
  • 31 gennaio 2018Differenze principali tra diabete di tipo 1 e di tipo 2Il diabete di tipo 1 ha un esordio sempre brusco più spesso durante l’infanzia e l’adolescenza (può comunque manifestarsi in età adulta in soggetti predisposti). Il diabete di tipo 2 compare più spesso nel soggetto adulto o anziano, dopo i 35-40 anni. Posted in Diabete di tipo 2
  • 14 febbraio 2018Il laser a femtosecondi per il trattamento della catarattaÈ un laser che opera in biliardesimi di secondo la nuova tecnologia mininvasiva di cui si è recentemente dotata la Clinica Oculistica Universitaria dell'Ospedale San Giuseppe di Milano per il trattamento della cataratta, patologia che dopo i 70 anni colpisce 1 persona su 4. Posted in Complicanze oculari - Retinopatia