Un malato cronico curato di meno costa di più

È questo il monito di Egidio Archero, Presidente FAND-Associazione italiana diabetici, sull’ipotesi di rinuncia a 2 miliardi di aumento del Fondo Sanitario Nazionale 2015.

 

“Che la rinuncia delle Regioni ai 2 miliardi di aumento del Fondo sanitario nazionale 2015 non si traduca in nuovi tagli di servizi al cittadino, che penalizzino i malati cronici come le persone con diabete.” È l’auspicio e il monito di Egidio Archero, Presidente nazionale FAND-Associazione italiana diabetici, davanti alle prospettive che sembrano emergere dalle discussioni tra Governo e Regioni sui tagli previsti dalla Legge di stabilità.
“Troppe volte – sottolinea Archero – a fare le spese delle riduzioni di risorse sono i cittadini più fragili, quali coloro che soffrono di malattie croniche e che necessitano di assistenza e cure continue. Troppe volte i nostri amministratori dimenticano che non è tagliando i servizi sanitari che si operano risparmi.

Un malato cronico curato di meno costa di più. È un’osservazione che emerge da tutti gli studi scientifici e di economia sanitaria, e pare incredibile che ci sia ancora qualcuno che sembra ignorarlo. Si riducano gli sprechi, che purtroppo sono tanti, come nel caso della distribuzione delle striscette e dei pungidito per la misurazione domiciliare della glicemia, in cui ci si ostina a concedere periodicamente, a categorie ben definite di persone con diabete, uno stesso, limitato numero di questi presidi, senza considerare che i fabbisogni sono diversi da persona a persona, da diabete a diabete. Fornire a tutti, indistintamente, gli stessi quantitativi genera da una parte sprechi inutili e dall’altra carenze drammatiche, come quella recentemente denunciata dal padre di un bimbo umbro e da FAND.

Se, ad esempio, si adottasse un prezzo nazionale ponderato di rimborso per questi presidi, il Servizio Sanitario Nazionale e le Regioni otterrebbero risparmi certi di oltre cento milioni di euro all’anno.”
“Ci confortano le parole del sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, circa la necessità di tutelare le fasce più deboli e sul fatto che il Governo non vuole che si incida sulle prestazioni. Vogliamo crederci”, conclude Archero.


Fonte

Comunicato stampa “SANITÀ: “UN MALATO CRONICO CURATO DI MENO COSTA DI PIÙ”.
Monito di Egidio Archero, Presidente FAND-Associazione italiana diabetici, sull’ipotesi di rinuncia a 2 miliardi di aumento del Fsn 2015,  2 febbraio 2015, Ufficio Stampa HealthCom Consulting Srl

Potrebbero interessarti

  • 27 ottobre 2017Diabete: le novità dei nuovi LEAI nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) sono stati pubblicati sulla G.U. del 18 marzo 2017, Supplemento n. 15 (DPCM 12 gennaio 2017); con tale decreto sono stati ridefiniti il numero e tipo di prestazioni delle quali i cittadini italiani potranno usufruire gratuitamente o a seguito del pagamento di una quota di partecipazione. Posted in Italia
  • 7 novembre 2017#Diabeteasy: conoscere il diabete tipo 1 per conviverci meglio ogni giornoSabato 4 novembre 2017, a Bologna, si è svolto un evento particolarmente importante per chi ha o si interessa al diabete di tipo 1 (DT1). Importante per innumerevoli motivi. Posted in Diabete di tipo 1
  • 7 dicembre 2017In Italia, il diabete è tra i temi di salute più ricercati sul webSecondo la 4° edizione del Diabetes Web Observatory, 2017 si ricerca in rete più al Sud, in particolare in Calabria, Puglia, Basilicata. Il 75 per cento delle persone utilizza le app per raccogliere e condividere informazioni sul mondo del diabete, in base all’osservatorio Diabetes Monitor, 6° Ed, 2017. Le persone con diabete sentono di più il bisogno di discutere con il proprio medico […] Posted in Italia