Un malato cronico curato di meno costa di più

È questo il monito di Egidio Archero, Presidente FAND-Associazione italiana diabetici, sull’ipotesi di rinuncia a 2 miliardi di aumento del Fondo Sanitario Nazionale 2015.

 

“Che la rinuncia delle Regioni ai 2 miliardi di aumento del Fondo sanitario nazionale 2015 non si traduca in nuovi tagli di servizi al cittadino, che penalizzino i malati cronici come le persone con diabete.” È l’auspicio e il monito di Egidio Archero, Presidente nazionale FAND-Associazione italiana diabetici, davanti alle prospettive che sembrano emergere dalle discussioni tra Governo e Regioni sui tagli previsti dalla Legge di stabilità.
“Troppe volte – sottolinea Archero – a fare le spese delle riduzioni di risorse sono i cittadini più fragili, quali coloro che soffrono di malattie croniche e che necessitano di assistenza e cure continue. Troppe volte i nostri amministratori dimenticano che non è tagliando i servizi sanitari che si operano risparmi.

Un malato cronico curato di meno costa di più. È un’osservazione che emerge da tutti gli studi scientifici e di economia sanitaria, e pare incredibile che ci sia ancora qualcuno che sembra ignorarlo. Si riducano gli sprechi, che purtroppo sono tanti, come nel caso della distribuzione delle striscette e dei pungidito per la misurazione domiciliare della glicemia, in cui ci si ostina a concedere periodicamente, a categorie ben definite di persone con diabete, uno stesso, limitato numero di questi presidi, senza considerare che i fabbisogni sono diversi da persona a persona, da diabete a diabete. Fornire a tutti, indistintamente, gli stessi quantitativi genera da una parte sprechi inutili e dall’altra carenze drammatiche, come quella recentemente denunciata dal padre di un bimbo umbro e da FAND.

Se, ad esempio, si adottasse un prezzo nazionale ponderato di rimborso per questi presidi, il Servizio Sanitario Nazionale e le Regioni otterrebbero risparmi certi di oltre cento milioni di euro all’anno.”
“Ci confortano le parole del sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, circa la necessità di tutelare le fasce più deboli e sul fatto che il Governo non vuole che si incida sulle prestazioni. Vogliamo crederci”, conclude Archero.


Fonte

Comunicato stampa “SANITÀ: “UN MALATO CRONICO CURATO DI MENO COSTA DI PIÙ”.
Monito di Egidio Archero, Presidente FAND-Associazione italiana diabetici, sull’ipotesi di rinuncia a 2 miliardi di aumento del Fsn 2015,  2 febbraio 2015, Ufficio Stampa HealthCom Consulting Srl

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 31 gennaio 2017Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di curaL’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”. Posted in Aspetti psicologici
  • 22 aprile 2017Diabete: i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA)Il 18 marzo 2017, dopo 16 anni, è stato finalmente pubblicato in GU n. 65 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 12 gennaio 2017 con i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) che costituiscono un corposo documento di ben 396 pagine. Si tratta di un “passaggio storico per la Sanità italiana”, ha affermato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Posted in Italia