Un test genetico per predire il rischio di ictus ai diabetici

L’ictus non è prevedibile anche se le sue cause sono note; si sa che il rischio più alto è per i diabetici e i cardiopatici. La rivista Diabetes ha pubblicato uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Università Cattolica – Policlinico ‘A. Gemelli’ di Roma e dell’Università scozzese di Dundee sulla scoperta che il profilo genetico di alcuni diabetici può stabilire se quei malati possono sviluppare un ictus ischemico in un  arco di tempo superiore a sei anni. Secondo i ricercatori fra la mutazione combinata di cinque geni infiammatori e il rischio di diabete ischemico esiste una corrispondenza. In uno studio preliminare sono stati raccolti i dati di 18mila pazienti con patologie a rischio di ictus e sono stati esaminati 2.100 soggetti con diabete di tipo 2; risultato di questo studio è che il rischio di ictus è parallelo all’aumentare del numero di  mutazioni (da 0 a 5) di ogni soggetto. I diabetici normalmente hanno un rischio di ictus del 5% ma quelli in cui è presente una mutazione combinata il rischio aumenta fino all’11%; dove la mutazione è completamente assente il rischio si riduce fino all’1%.
Per testare l’incidenza della mutazione genetica su persone con malattie diverse dal diabete e con lo scopo di realizzare un test diagnostico genetico semplice da eseguire e relativamente economico, i ricercatori italiani in collaborazione con importanti centri di ricerca sull’ictus inglesi, scozzesi, tedeschi, spagnoli, portoghesi e americani effettueranno l’analisi dei dati dei 18mila pazienti entro 12/18 mesi.

 
Fonte: 23 agosto 2010, dailyblog.it

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1