Un test genetico per predire il rischio di ictus ai diabetici

L’ictus non è prevedibile anche se le sue cause sono note; si sa che il rischio più alto è per i diabetici e i cardiopatici. La rivista Diabetes ha pubblicato uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Università Cattolica – Policlinico ‘A. Gemelli’ di Roma e dell’Università scozzese di Dundee sulla scoperta che il profilo genetico di alcuni diabetici può stabilire se quei malati possono sviluppare un ictus ischemico in un  arco di tempo superiore a sei anni. Secondo i ricercatori fra la mutazione combinata di cinque geni infiammatori e il rischio di diabete ischemico esiste una corrispondenza. In uno studio preliminare sono stati raccolti i dati di 18mila pazienti con patologie a rischio di ictus e sono stati esaminati 2.100 soggetti con diabete di tipo 2; risultato di questo studio è che il rischio di ictus è parallelo all’aumentare del numero di  mutazioni (da 0 a 5) di ogni soggetto. I diabetici normalmente hanno un rischio di ictus del 5% ma quelli in cui è presente una mutazione combinata il rischio aumenta fino all’11%; dove la mutazione è completamente assente il rischio si riduce fino all’1%.
Per testare l’incidenza della mutazione genetica su persone con malattie diverse dal diabete e con lo scopo di realizzare un test diagnostico genetico semplice da eseguire e relativamente economico, i ricercatori italiani in collaborazione con importanti centri di ricerca sull’ictus inglesi, scozzesi, tedeschi, spagnoli, portoghesi e americani effettueranno l’analisi dei dati dei 18mila pazienti entro 12/18 mesi.

 
Fonte: 23 agosto 2010, dailyblog.it

Potrebbero interessarti

  • 18 ottobre 2016Focus sul Diabete LADAFa il punto sul diabete LADA (acronimo dall’inglese: Latent Autoimmune Diabetes in Adults) la d.ssa Roberta Celleno, Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio, Diabetologia, presso USL 01 Umbria, Città di Castello che si occupa in modo particolare di questa forma di diabete. Posted in Diabete LADA, Diagnosi
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia