Una dieta ipocalorica drastica contro il diabete

Una dieta potrebbe curare in via definitiva il diabete di tipo 2: questa la conclusione di una ricerca dell’Università di Newcastle pubblicata su Diabetologia. Degli 11 volontari cui negli ultimi quattro anni avevano diagnosticato il diabete di tipo 2, ben sette sono guariti, con i livelli di insulina rientrati nella norma. I pazienti sono stati sottoposti per due mesi a una dieta strettissima di 600 calorie al giorno: solo verdure non amidacee come bietole, broccoli, cavoli e insalata, bevendo solo bibite senza zuccheri.
Già dopo una settimana era rientrato nella norma il livello degli zuccheri nel sangue prelevato prima della colazione e con la risonanza magnetica è stata osservata una diminuzione dall’8% al 6% del livello di grasso nel fegato e nel pancreas.
I pazienti che al termine della dieta sono tornati a mangiare seguendo le indicazioni dei medici, non hanno più avuto il diabete ma, come osserva il coordinatore dello studio, Roy Taylor: «Non per questo tutti devono seguire questa dieta; questo esperimento è servito a dimostrare l’ipotesi iniziale, cioè che quando dimagrisce tanto, il paziente perde anche il diabete».
Ee Li nLim, un altro dei partecipanti alla ricerca britannica sottolinea che la speranza può valere anche per chi ha il diabete da più di tre-quattro anni: «L’impatto di una buona dieta sul diabete di tipo 2 è cosa nota ma la nostra ricerca ha dimostrato che una diagnosi di diabete non deve essere considerata una condanna a vita. Di sicuro però è più facile prendere farmaci che modificare drasticamente il proprio stile di vita».
Carlo Bruno Giorda, presidente dell’Amd (Associazione Medici Diabetologi), osserva: «È noto che l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel controllo del diabete ma la dieta proposta da questo studio è eccessiva: 600 calorie al giorno sono troppo poche se si considera che per sopravvivere ne sono necessarie almeno 800. Non è una dieta adatta a tutti i pazienti e non si può seguire per sempre; soprattutto non sappiamo cosa accade quando si torna a mangiare normalmente.
Numerosi studi dimostrano che una dieta moderatamente ipocalorica e una costante attività fisica dimezzano le probabilità di sviluppare il diabete; bastano solo 200 calorie al giorno in meno, l’equivalente di una brioche, e camminare mezz’ora per tre o quattro volte alla settimana. Il vero punto di forza di questo studio non è tanto la dieta ma l’uso della risonanza magnetica per dimostrare qualcosa che si ipotizzava già da tempo, cioè che riducendo le calorie diminuisce la quantità dei grassi nel pancreas e nel fegato, con benefici diretti sul meccanismo dell’insulina. Ora finalmente questo studio lo dimostra in modo scientifico».

 
Fonte 24 giugno 2011, repubblica.it

Potrebbero interessarti

  • 19 novembre 2016L’approccio multidisciplinare come scelta sostenibile nella gestione del diabeteA Palermo, in occasione del VIII Convegno Nazionale della Fondazione dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), 17-19 novembre 2016, un Simposio dedicato alla cura del diabete come malattia ad alta incidenza epidemiologica e socio-sanitaria. Posted in Italia
  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 24 ottobre 2016Il diabete nei bambini “opprime” mamma e papàLa principale ansia per i genitori di un bambino con diabete? La riduzione del livello di zuccheri nel sangue e le crisi di ipoglicemia. È questo il vero incubo per 7 genitori su 10, secondo l’indagine internazionale DAWN Youth promossa da International Diabetes Federation (IDF) e International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD). Posted in Diabete di tipo 1