Una proteina potrebbe indicare il rischio di diabete di tipo 1

Uno studio condotto su topi da un gruppo di ricercatori della Georgia Health Sciences University di Augusta, coordinati da Sharad Purohit, ha messo in luce che una scarsa presenza dell’antagonista recettoriale dell’IL1 (Interleuchina 1) nei bambini, può aumentare la possibilità che in futuro possano essere colpiti dal diabete di tipo 1.
Nel corso dello studio è stato osservato che, quando la presenza della proteina era scarsa, aumentava il rischio che il sistema immunitario attaccasse le cellule produttrici di insulina; per questa ragione i ricercatori americani hanno in corso esperimenti per individuare, con l’impiego degli inibitori dell’interleuchina 1, trattamenti che possano contrastare l’insorgere del diabete.
Osserva Purohit: «L’obiettivo del nostro studio è quello di scoprire se i livelli di IL1 possano aiutarci a prevedere lo sviluppo del diabete di tipo 1 nei bambini e quindi utilizzare gli inibitori di IL1 per impedirlo».

 

 
Fonte 29 agosto 2011, ilsole24ore.com

Potrebbero interessarti

  • 2 novembre 2016DT1: Tre riflessioni sul trapianto di pancreas o di isoleNel corso di un recente incontro organizzato da AGD Bologna al Policlinico Sant’Orsola, il 24 ottobre 2016, abbiamo ascoltato l’intervento del Dott. Giacomo Lanzoni, del team del Prof Luca Inverardi e Camillo Ricordi, Diabetes Research Institute, University of Miami. Posted in Ricerca scientifica
  • 18 ottobre 2016Focus sul Diabete LADAFa il punto sul diabete LADA (acronimo dall’inglese: Latent Autoimmune Diabetes in Adults) la d.ssa Roberta Celleno, Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio, Diabetologia, presso USL 01 Umbria, Città di Castello che si occupa in modo particolare di questa forma di diabete. Posted in Diabete LADA, Diagnosi
  • 20 dicembre 2016C’è aria di grandi novità in Agd Novara: “Lo studio di Camillo Ricordi”Se ne sono accorti i numerosi genitori di bambini e ragazzi con diabete di tipo 1, riuniti sabato 17 dicembre 2016, a Novara, nell’Aula Magna dell’Ospedale Maggiore per un convegno di aggiornamento sulle attività 2016/2017. Posted in Fabio Braga