Acido alfa-lipoico: la guardia del corpo dei nostri nervi e non solo

L’acido alfa-lipoico (spesso abbreviato in ALA), è un acido grasso con una potente azione antiossidante che aiuta a combattere lo stress ossidativo provocato dai radicali liberi (responsabili dell’invecchiamento e dei danni cellulari) sia all’esterno che all’interno della cellula nervosa. Rappresenta quindi una molecola preziosa per la persona diabetica, in quanto favorisce la protezione del sistema nervoso e aiuta a contrastare la neuropatia diabetica. La sua utilità è stata sottolineata anche al recente NEURODIAB 2018 che si è svolto a Roma il 4-7 settembre 2018, in particolare quando iniziato precocemente e utilizzato per lunghi periodi.

 

Dove viene prodotto l’acido alfa-lipoico?

L’acido alfa-lipoico è un acido grasso contenente zolfo, che viene naturalmente prodotto dal fegato e da altri tessuti del nostro organismo. Viene inoltre assorbito intatto da alcuni alimenti introdotti con la dieta e si accumula in alcuni tessuti (fegato, cuore, muscolo, cervello e nervi e altri).

 

Dove agisce l’acido alfa-lipoico?

ALA-acido-alfa-lipidicoL’ALA combatte i radicali liberi in ogni parte del neurone (ma anche delle altre cellule) ed è l’unico antiossidante a riuscire a farlo. Tra le peculiarità uniche dell’acido alfa-lipoico, c’è, infatti, quella di poter agire sia all’interno della cellula, in un ambiente acquoso (idrofilo) come il citoplasma delle cellule (dove agiscono anche altri antiossidanti come la vitamina C, sia in un ambiente oleoso ovvero ricco di lipidi (lipofilo) com’è la membrana dei neuroni e delle cellule, la cui integrità è fondamentale per la trasmissione degli impulsi nervosi; in definitiva, l’ALA può raggiungere tutti i compartimenti di una cellula proteggendola dentro e fuori dall’attacco incessante dei radicali liberi.

 

Come agisce l’ALA?

Sia l’acido alfa-lipoico che la sua forma ridotta DHLA (cioè che ha già esercitato la sua azione antiossidante e perciò ha acquistato un elettrone) funzionano come una coppia di potenti antiossidanti, esercitando una cosiddetta azione “scavenger” (spazzino) tra le più potenti sui radicali liberi dell’ossigeno (ROS o Reactive oxygen species, specie reattive dell’ossigeno). Ma c’è di più. Esso, infatti, interviene e promuove importanti cicli metabolici come la produzione di energia e anche questo è un aspetto molto importante, in quanto i radicali liberi attaccano, danneggiandole, anche le membrane dei mitocondri, piccoli organuli presenti all’interno delle cellule, che sono sede delle risorse energetiche e di autoriparazione del nervo.

 

battaglia tra radicali liberi e ALA
L’acido alfa-lipoico, inoltre, può riciclare e rigenerare i naturali antiossidanti idrosolubili (come la vitamina C e il glutatione) e anche quelli liposolubili (come la vitamina E e il coenzima Q), amplificandone gli effetti. Così facendo protegge nervi e vasi sanguigni (che portano i fattori nutritivi) dai pericolosi attacchi dei ROS, favorendo il benessere delle fibre nervose e svolgendo una generale azione anti-aging. L’ALA, in definitiva, ne protegge l’integrità e le mantiene più giovani a lungo e quindi più in grado di trasmettere in modo efficiente gli impulsi nervosi, indispensabili per la conduzione neuro-muscolare.
Alcuni studi hanno documentato che, somministrato per via orale o endovenosa a dosi si 600-1200 mg/die, l’ALA favorisce la riduzione dei sintomi della neuropatia diabetica (formicolio e intorpidimento alle gambe, dolori brucianti, senso di stordimento) nell’arco di 3-5 settimane di integrazione.

 

Ci sono altri effetti dell’ALA utili alle persone diabetiche?

L’acido alfa-lipoico ha anche altri effetti benefici che lo rendono interessante per le persone con diabete di tipo 2 quando somministrato ad alti dosaggi. Alcuni studi hanno documentato che aumenta la sensibilità all’insulina (anche nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico) favorendo l’assorbimento del glucosio e un miglior controllo della glicemia. Favorisce anche una riduzione dei trigliceridi nel sangue. Gli studi hanno documentato che anche ad alti dosaggi l’ALA è sicuro e ben tollerato, in ogni caso per scegliere un’eventuale integrazione è sempre bene chiedere al proprio medico o al farmacista di fiducia.

 

È vero che gli antiossidanti lavorano meglio in squadra?

In effetti è così; tra gli antiossidanti, l’unione fa la forza per proteggere il nervo e questo vale anche per l’ALA. A livello della cellula nervosa (neurone), alcuni studi hanno documentato che l’acido alfa-lipoico agisce in sinergia con altri antiossidanti e sostanze cosiddette neutrofiche grazie alla spiccata azione neuroprotettiva che svolgono, in grado di accelerare la riparazione e la rigenerazione del nervo migliorandone la velocità di conduzione nervosa.
Tra gli altri antiossidanti, con cui agisce l’ALA, vanno citati soprattutto la superossidodismutasi o SOD, un potentissimo antiradicalico, tra i più studiati, che agisce all’origine dello stress ossidativo e che ha dimostrato un’ azione antinfiammatoria e neuroprotettiva sinergica con l’ALA; la vitamina E e il selenio che contribuiscono alla naturale protezione delle cellule nervose dallo stress ossidativo provocato dai radicali liberi.
Tra neurotrofici più noti e benefici c’è l’acido gamma-linolenico (GLA), un acido grasso polinsaturo essenziale (Essential Fatty Acids o EFA), che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare da solo e che deve essere assunto attraverso una dieta giornaliera appropriata.
Il GLA è un componente della membrana delle cellule nervose dove svolge un’attività riparativa ed è indispensabile per mantenere un’ottimale fluidità di membrana, elemento particolarmente rilevante per la funzionalità delle membrane nervose e della guaina mielinica (la mielina è il rivestimento di ogni cellula nervosa che consente una conduzione più veloce degli impulsi nervosi).

 

Quali altre attività svolge l’acido alfa-lipoico?

L’acido alfa-lipoico protegge anche dall’ossidazione del colesterolo-LDL (il colesterolo “cattivo”) agendo – quindi – come un fattore di prevenzione del rischio di malattie cardiovascolari. Alcuni studi hanno, inoltre, documentato la capacità dell’ALA di chelare metalli ovvero di catturare e requisire soprattutto rame e ferro che in alcune cellule porterebbero alla formazione di sostanze fortemente ossidanti.
Altri studi hanno evidenziato la capacità dell’acido alfa-lipoico di migliorare la “tolleranza al glucosio”, quindi di favorire un miglior funzionamento del metabolismo degli zuccheri nelle persone diabetiche e/o obese (nelle quali svolge quindi un’azione protettiva sulla neuropatia diabetica grazie alla sua potente azione antiossidante). Questa sua attività, lo rende utile anche nel miglioramento della performance sportiva (ottimizzando l’utilizzo dell’energia) area in cui è anche importante come “scavenger” dei radicali liberi prodotti nel corso dell’attività muscolare di elevata intensità. Ma non è ancora finita: ulteriori studi hanno evidenziato un’azione ipotensiva ed antinfiammatoria che si sta ancora studiando.
L’acido alfa-lipoico viene considerato un memory-enhancer, ovvero una sostanza in grado di migliorare la memoria in età avanzata e contrastare l’invecchiamento del cervello sempre grazie alla sua potente azione antiossidante.

 

Quali sono le fonti più ricche di acido alfa-lipoico?

In natura, le fonti più ricche di acido alfa-lipoico sono i tessuti animali ad alta attività metabolica (carne rossa, cuore, fegato, rene) che non si consumano spesso. Tra le fonti vegetali ci sono, in via decrescente: spinaci, broccoli, pomodori, piselli, cavolini di Bruxelles, riso.
L’acido alfa-lipoico può essere ricavato anche dall’assunzione giornaliera di un integratore alimentare che assicura un dosaggio fisso giornaliero dell’acido grasso. Per un consiglio adeguato alle proprie necessità è utile chiedere al proprio medico o al farmacista di fiducia.

 

 

 

 

Fonti

– NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018. Scientific Program & Abstract Book

– Amato Nesbit S, Sharma R, et al – Non-pharmacologic treatments for symptoms of diabetic peripheral neuropathy: a systematic reviewCurr Med Res Opin 2018 Aug 17:1-11

– Agathos E, Tentolouris A, et al – Effect of α-lipoic acid on symptoms and quality of life in patients with painful diabetic neuropathyJ Int Med Res 2018 May;46(5):1779-1790

Preventing Complications and Treating Symptoms of Diabetic Peripheral Neuropathy [Internet]. Editors: Dy SM, Bennett WL, Sharma R, et al. PubMed Health, 2017

– Várkonyi T, Körei A, et al – Advances in the management of diabetic neuropathyMinerva Med 2017 Oct;108(5):419-437

– Perez-Matos MC, Morales-Alvarez MC, Mendivil CO – Lipids: A Suitable Therapeutic Target in Diabetic Neuropathy? J Diabetes Res 2017;2017:6943851

– Çakici N, Fakkel TM, et al – Systematic review of treatments for diabetic peripheral neuropathyDiabet Med 2016 Nov;33(11):1466-1476

– Snyder MJ, Gibbs LM, Lindsay TJ – Treating Painful Diabetic Peripheral Neuropathy: An UpdateAm Fam Physician 2016 Aug 1;94(3):227-34. Review.

– Rochette L, Ghibu S, Muresan A, Vergely C – Alpha-lipoic acid: molecular mechanisms and therapeutic potential in diabetesCan J Physiol Pharmacol 2015 Dec;93(12):1021-7

– Saad Javed et al – Treatment of painful diabetic neuropathy. Ther Adv Chronic Dis 2015, Vol. 6(1) 15–28

– Evans JL, Bahng M – Non-pharmaceutical intervention options for type 2 diabetes: Diets and Dietary Supplements (Botanicals, Antioxidants, and Minerals). March 2014

– Derosa G et al – Dietary and nutraceutical approach to type 2 diabetes. Arch Med Sci 2014 May 12;10(2):336-44

– Papanas N, Ziegler D – Efficacy of α-lipoic acid in diabetic neuropathy. Expert Opin Pharmacother 2014 Dec;15(18):2721-31

– Smith JD, Clinard VB – Natural products for the management of type 2 diabetes mellitus and comorbid conditions. J Am Pharm Assoc (2003). 2014 Sep-Oct;54(5):e304-18; quiz e319-21

– Anna Gorąca et al – Lipoic acid – biological activity and therapeutic potential. Pharmacological Reports 2011, 63; 849-58

– Kate Petersen Shay et al – Alpha-lipoic acid as a dietary supplement: Molecular mechanisms and therapeutic potential. Biochim Biophys Acta 2009 October; 1790(10): 1149–1160

– Anna Bilska, Lidia Włodek – Lipoic acid – the drug of the future? Pharmacological Reports 2005, 57, 570-77

Atmaca G – Antioxidant Effects of Sulfur-Containing Amino Acids. Yonsei Medical Journal, 45, No 5, pp 776-88, 2004

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 23 luglio 2018Effetti delle diete vegetariane sul rischio cardiometabolico e il diabeteNegli ultimi anni le diete vegetariane hanno fatto proseliti in tutto il mondo e le stime sono per un'ulteriore crescita di persone che abbracciano questo stile alimentare. Qual è l'effetto positivo che certe diete possono avere sulla nostra salute? Possono aiutarci in caso di obesità, sindrome metabolica, diabete tipo 2 e altre patologie degenerative tipiche della società occidentale? Posted in A tavola con il diabete, Nutrizione
  • 12 settembre 2018NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018NEURODIAB 2018, Congresso internazionale sulla neuropatia diabetica, una complicanza che colpisce 1 su 3 persone con diabete. Nel corso del congresso sono stati presentati i nuovi strumenti di diagnosi e si è fatto il punto sulle ultime terapie disponibili. NEURODIAB, il Gruppo di Studio sulla Neuropatia Diabetica della Società Europea per lo Studio del Diabete (EASD), è presieduto […] Posted in Neuropatia
  • 30 giugno 2018Lipotossicità: il Position Paper della Società Italiana di DiabetologiaNell’immaginario collettivo, mangiare troppi dolci e consumare troppo zucchero fanno venire il diabete tipo 2 (DT2). Gli eccessi fanno sempre male e una riduzione dello zucchero è sempre salutare ma le cose non stanno proprio così. Un altro importante fattore di rischio per lo sviluppo del DT2 è il consumo eccessivo di grassi con l’alimentazione abituale. Posted in Linee guida