La gestione degli zuccheri può essere modificata dai dolcificanti artificiali

I dolcificanti artificiali  o edulcoranti sono stati studiati per essere privi di carboidrati e quindi per non dover avere un effetto simile nella gestione degli zuccheri da parte dell’organismo e, vista la grande diffusione, ci sono effetti sul metabolismo e sul peso che valeva la pena di investigare, secondo quanto dichiarato dagli autori di un nuovo studio.
La dr.ssa Rebecca J. Brown e colleghi (National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases di Bethesda – Usa) hanno voluto scoprire perché l’assunzione di edulcoranti causasse la secrezione da parte del tubo digerente di un peptide, il GLP-1, che provoca la sensazione di pienezza o sazietà per frenare l’appetito.
Per indagare su questo fatto, i ricercatori hanno coinvolto 22 giovani sani di peso rientrante nella norma a cui è stata fatta bere una bevanda zuccherata, a digiuno, diverse ore dopo aver mangiato per poi controllare come il corpo metabolizzasse il glucosio.
Dieci minuti prima di bere la bevanda zuccherata i partecipanti, suddivisi in due gruppi, hanno bevuto una bevanda contenente un edulcorante o un bicchiere di acqua minerale gassata.
Dalle analisi si è scoperto che l’aumento dei livelli di glucosio a seguito dell’assunzione del bicchiere con acqua zuccherata dopo aver bevuto la bevanda edulcorata o l’acqua gassata era lo stesso, tuttavia chi aveva bevuto la bibita edulcorata mostrava una maggiore secrezione del GLP-1.
I dati ottenuti, chiariscono i ricercatori, mostrano che vi è un’azione sinergica combinata tra gli edulcoranti e lo zucchero nell’attivare la secrezione del peptide GLP-1.
A motivo di ciò sarebbe opportuno poter studiare gli effetti dei dolcificanti artificiali nella possibilità di migliorare la produzione di questo peptide per il controllo del peso, nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 e con altri problemi legati al metabolismo.
 
Fonte: 22 dicembre 2009, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 28 aprile 2018Potenziale effetto protettivo della metformina nelle donne con diabete di tipo 2 e tumore al senoLa metformina rappresenta la terapia farmacologica di prima scelta nel diabete di tipo 2, da sola o in associazione ad altri antidiabetici, quando le modifiche dello stile di vita (alimentazione ed attività fisica in primis) non siano sufficienti. Oltre all’azione ipoglicemizzante, alla metformina sono state attribuite e documentate numerose altre attività come il miglioramento […] Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 19 aprile 2018La regola del 15La“regola del 15” rappresenta un sistema di trattamento/correzione dell’ipoglicemia di grado lieve-moderato (ovvero in cui l’individuo è cosciente e in grado di assumere alimenti per bocca) che compare a partire da valori di glicemia inferiori a 70 mg/dl. L’ipoglicemia lieve-moderata può determinare sintomi come: sudorazione fredda e/o con mal di testa, tremore alle mani e alle gambe, […] Posted in Ipoglicemia
  • 5 aprile 2018Il Passaporto di Roma: città per camminare e della saluteLe città stanno diventando sempre di più ambienti obesiogeni, ovvero luoghi dove l’urbanizzazione favorisce l’aumento di sovrappeso e obesità e di conseguenza di molte malattie croniche non trasmissibili quali il diabete tipo 2, le malattie cardiovascolari, le malattie neurodegenerative, le malattie respiratorie e i tumori. Posted in Mondo, Europa, Movimento