MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata)

La Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) è la tecnica considerata di riferimento per prevenire, diagnosticare e controllare l’evoluzione dell’osteoporosi nel tempo.  La MOC è il solo esame in grado di diagnosticare con sicurezza la presenza o meno di osteoporosi perché è l’unico in grado di misurare con precisione la massa e la densità delle nostre ossa.
Durante la giornata mondiale dedicata all’osteoporosi che si celebra ogni anno il 20 ottobre, alcuni ospedali offrono servizi e screening gratuiti oltre a consegnare brochure e altro materiale informativo.

 

A chi è consigliata la MOC


Tutte le donne dopo i 40 anni e soprattutto quelle che svolgono una vita sedentaria o che hanno altri fattori di rischio per l’osteoporosi dovrebbero sottoporsi ogni 2-3 anni a una misurazione della propria “densità ossea” e fare particolare attenzione alle possibili misure di prevenzione che possono essere adottate.

 

L’esame è consigliato anche agli uomini perché l’osteoporosi anche se predilige le donne (circa 3.500.000 italiane) colpisce anche il sesso maschile (almeno 1.000.000 italiani, 1 uomo su 5).
 In alcuni casi l’esame viene eseguito con gli ultrasuoni, per esempio in caso di falange o di calcagno.

La MOC viene prescritta anche agli sportivi che hanno spesso infortuni da stress senza una causa chiara e nel caso in cui si sospetti una rarefazione della massa ossea. L’esame è indicato anche nelle donne giovani con amenorrea o anoressia nervosa, persone con: calcificazioni anomale, scoliosi dorso-lombare marcata, artrosi degenerativa della colonna o una frattura spontanea di una vertebra.

 

Eventuali controindicazioni

La MOC può essere eseguita a qualsiasi età e non ha particolari controindicazioni, tranne la gravidanza.

 

Come si esegue e che cosa misura

La MOC misura la massa e la densità ossea mediante strumenti digitali a raggi X o Dexa (Dual energy XRay absorptiometry) o nelle apparecchiature più moderne mediante ultrasuoni. 
È un esame non invasivo, assolutamente non doloroso, che non richiede preparazione e si esegue in pochi minuti (max 10 min). Occorre soltanto sdraiarsi su un lettino al di sopra/sotto del quale si trova la sorgente che emette le radiazioni X o gli ultrasuoni. La loro capacità di penetrazione consente di misurare la densità ossea della persona sottoposta all’esame.

Nei casi più a rischio la MOC può essere ripetuta più volte per monitorare l’andamento della densità ossea nel tempo, in particolare per la donna nel periodo intorno alla menopausa e nella post-menopausa. La ripetizione dell’esame non comporta rischi in quanto la dose di radiazione è estremamente bassa.

 

La MOC rappresenta oggi l’esame più utile per pronosticare la propria soglia o rischio di fratture

Prima si conosce la propria soglia di frattura e prima di potrà intervenire con l’utilizzo di terapie che riducono il riassorbimento di calcio dalle ossa, ritardando e talora, impedendo il raggiungimento della soglia stessa. Una volta raggiunto e superato il valore limite, le terapie che riducono il riassorbimento osseo non saranno più sufficienti e si renderà necessaria anche l’applicazione di misure che stimolino la formazione di osso. Come sempre prevenire è meglio che curare.

 

L’osteoporosi si può prevenire adottando stili di vita corretti: soprattutto alimentazione ricca di calcio e di vitamina D, esposizione alla luce solare e attività fisica moderata ma costante (soprattutto quella con carico sulle ossa come camminare e correre).
È Molto importante anche limitare il fumo di sigaretta e il consumo di alcolici.

 

 

Fonti

– Osteoporosi e prevenzione. Prefazione e introduzione di Maria Luisa Brandi. Edimes ed, 2011
– Fondazione F.I.R.M.O. »
– Iof – International Osteoporosis Foundation | Bone Health »
– Wolrd Osteoporosis Day »
– Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da) »

Potrebbero interessarti

  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 4 aprile 2018Nefropatia diabetica: quale aiuto dall’alimentazione?La nefropatia che può manifestarsi nelle persone con diabete ma anche in chi soffre di ipertensione arteriosa è una condizione di insufficienza renale cronica. Una corretta alimentazione, con un particolare controllo sull’assunzione delle proteine (il cui metabolismo viene alterato in caso di nefropatia diabetica) può aiutare a proteggere i reni nei soggetti predisposti. Posted in Nefropatia, Nutrizione
  • 11 aprile 2018Il piede di Charcot: che cosa è importante sapereIl piede di Charcot è una complicanza diabetica poco conosciuta e di cui si parla poco che altera i tessuti molli, le articolazioni e le ossa del piede e della caviglia. La malattia è innescata nei soggetti predisposti da un processo infiammatorio incontrollato che porta ad lisi del tessuto osseo, progressive microfratture e malposizionamento articolare dovuto a sublussazioni e dislocazioni. Posted in Piede diabetico