Nefropatia diabetica: quale aiuto dall’alimentazione?

Nefropatia diabetica: quale aiuto dall’alimentazione?

Intervista al dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista, Milano

 

La nefropatia che può manifestarsi nelle persone con diabete ma anche in chi soffre di ipertensione arteriosa è una condizione di insufficienza renale cronica. Una corretta alimentazione, con un particolare controllo sull’assunzione delle proteine (il cui metabolismo viene alterato in caso di nefropatia diabetica) può aiutare a proteggere i reni nei soggetti predisposti.

 

 

Quali sono i fattori che espongono maggiormente al rischio di sviluppare nefropatia diabetica?

Oltre all’età del diabete, i due fattori che maggiormente tendono ad alzare il rischio di insufficienza renale e che fanno progredire la malattia sono livelli tendenzialmente elevati di pressione arteriosa (ipertensione arteriosa) non ben controllati e l’ipercolesterolemia (valori elevati di colesterolo nel sangue). In realtà, anche altri fattori entrano in gioco nella salute del rene: fumo, alimentazione iperproteica e ricca di sale, familiarità per diabete, predisposizione alle malattie cardiovascolari. Anche la razza sembra essere un fattore di rischio: gli afroamericani, gli orientali e gli indiani d’America sembrano avere un rischio maggiore rispetto alle persone di razza Caucasica.

 

Qual è l’aiuto che può arrivare dall’alimentazione?

Una corretta alimentazione può aiutare notevolmente a prevenire o rallentare il decorso di una condizione di insufficienza renale. Grazie all’alimentazione si possono controllare le alterazioni metaboliche e si può raggiungere uno stato di nutrizione soddisfacente. Un’alimentazione ipotroteica (dieta a basso tenore di proteine) può ridurre il rischio di danno renale in tutti i soggetti con insufficienza renale cronica, la cui origine sia diabetica o non diabetica. È consigliato non eccedere con le proteine sia alla persona con diabete di tipo 1, sia alla persona con diabete di tipo 2. Per dare l’idea dei benefici si può citare uno studio in cui si è osservata una riduzione della frequenza di danno renale a 4 anni dal 10 al 27% in soggetti con diabete di tipo 1 e nefropatia diabetica progressiva.

 

Cosa si intende esattamente per dieta ipoproteica?

La dieta ipoproteica classica è un regime alimentare a basso tenore di proteine impostato seguendo le indicazioni delle principali società di Nefrologia e Dietetica. La quantità di proteine varia da 0,6 a 1 g per kg di peso corporeo ideale a seconda della condizione del paziente. Ci sono casi in cui alla dieta ipoproteica classica viene preferita la dieta fortemente ipoproteica (circa 0,3 g per kg di peso ideale) a cui si aggiungono degli integratori nutrizionali specifici che possono essere prescritti da un professionista competente.

 

Come è possibile impostare un regime alimentare ipoproteico?

E’ sempre consigliato far impostare da un professionista un’alimentazione personalizzata in funzione del proprio quadro clinico. Come regole di base occorre ridurre il consumo di alimenti animali. Una riduzione effettuata in termini di quantità della singola porzione e come frequenza settimanale di consumo. Le porzioni di latte, carne, pesce, uova, formaggi, etc potrebbero anche essere dimezzate rispetto alla porzione standard dell’individuo sano. Può essere utile anche fare ricorso a pasta o pane aproteico. I cereali e i legumi possono essere consumati con maggiore frequenza, sempre con porzioni controllate per il singolo soggetto per garantire l’apporto di proteine totali.
Verdura e frutta invece possono essere consumate in maniera più libera non contenendo proteine ma con l’attenzione di personalizzare l’assunzione di fosforo, potassio e magnesio a seconda del quadro clinico.
Porre molta attenzione al consumo di sale, sia per i livelli di sodio, che devono essere mantenuti bassi, ma anche per non aggravare l’ipertensione arteriosa, fattore di rischio cardiovascolare e di danno della funzione renale.
Per la scelta del condimento, via libera all’olio extravergine d’oliva, nella quantità giusta per evitare l’assunzione di troppi grassi e calorie. In genere, una porzione giornaliera di circa 30 g è ritenuta adeguata per la maggior parte degli individui ma se ne consiglia sempre la personalizzazione.

 

Ci sono delle difficoltà particolari in un regime alimentare di questo tipo?

Dal punto di vista tecnico e di elaborazione non ci sono particolari difficoltà. Il problema maggiore è l’adesione alla nuova dieta perché spesso la persona con diabete si ritrova a ridurre o eliminare gli alimenti che consumava abitualmente a favore di alimenti nuovi, meno conosciuti e/o graditi; anche il numero di alimenti entro cui operare delle scelte tende a ridursi e può rendere più difficoltosa seguire la nuova dieta. In queste situazioni la personalizzazione del piano alimentare è fondamentale. L’alimentazione deve essere impostata sui gusti e sulle abitudini della persona per poter garantire un’adesione maggiore e duratura nel tempo.

 

 

Fonti

– Binetti P, Marcelli M, Baisi R. Manuale di nutrizione clinica e scienze dietetiche applicate. Società Editrice Universo, SEU, 1° Ed, 2006

– Fantuzzi AL, Bedogni G: Dieta ipoproteica e insufficienza renale cronica: manuale pratico per il dietista. UTET Ed, 2003

– Hansen HP, Tauber-Lassen E, Jensen BR, et al. (2002): Effect of dietary protein restriction on prognosis in patients with diabetic nephropathy. Kidney Int: 62, 220-228

 

 

Potrebbero interessarti

  • 1 agosto 2018Diabetici più protetti con una dieta vegetariana e la dieta MediterraneaDiabete di tipo 2: ci sono nuove evidenze che chi ne soffre può ottenere vantaggi sulla gestione della malattia e soprattutto sulla riduzione del rischio cardiovascolare alimentandosi con una dieta vegetariana. Considerato che il 60-70 % dei soggetti con diabete di tipo 2 muoiono per malattie cardiache, individuare una corretta alimentazione capace di abbassare il rischio […] Posted in A tavola con il diabete
  • 23 luglio 2018Effetti delle diete vegetariane sul rischio cardiometabolico e il diabeteNegli ultimi anni le diete vegetariane hanno fatto proseliti in tutto il mondo e le stime sono per un'ulteriore crescita di persone che abbracciano questo stile alimentare. Qual è l'effetto positivo che certe diete possono avere sulla nostra salute? Possono aiutarci in caso di obesità, sindrome metabolica, diabete tipo 2 e altre patologie degenerative tipiche della società occidentale? Posted in A tavola con il diabete, Nutrizione
  • 30 giugno 2018Gastroparesi: una complicanza diabetica poco conosciutaLa gastroparesi è una complicanza cronica del diabete, espressione della presenza di una neuropatia che provoca un rallentato svuotamento gastrico dopo un pasto solido, in assenza di cause meccaniche ostruttive. In pratica, i muscoli dello stomaco non funzionano in modo corretto. Normalmente, forti contrazioni muscolari autonome spingono il cibo ingerito attraverso il tratto digestivo. Posted in Complicanze sistema digerente