Oltre il limite… la speranza!

Oltre il limite la speranza, diabeteDiario di un ciclista diabetico che ha percorso il Sudamerica per solidarietà

Mauro Talini
Pendragon, 2011

 

 

Tra dicembre 2009 e febbraio 2010, Mauro Talini, pur soffrendo di diabete sin dall’infanzia, ha effettuato una pedalata di 9286 km in solitaria da La Paz a Ushuaia, attraverso Bolivia, Brasile, Cile e Argentina, passando nei paesi e nei centri presso cui l’Associazione Internazionale Padre Kolbe Onlus ha attivato i suoi principali progetti rivolti a bambini e giovani, per consentire lo sviluppo integrale della persona e favorire il miglioramento del loro livello di vita.

Il diario di un’impresa che è riuscita felicemente a soddisfare un duplice obbiettivo: dimostrare che il diabete non è un limite, e raccogliere fondi destinati alle attività dell’Associazione Internazionale Padre Kolbe a Riacho Grande, San Paolo, Brasile. [sito]

 

Potrebbero interessarti

  • 9 aprile 2019La legislazione regionale sul diabeteSecondo quanto emerso dall’indagine della Società Italiana di Diabetologia (SID) condotta a cavallo tra il 2018 e il 2019, anche sotto il profilo degli aspetti legislativi riguardanti la gestione del diabete, esistono profonde differenze tra le singole Regioni Italiane. Questo è vero relativamente a Leggi, Delibere di Giunta Regionale (DGR), Delibere Consiglio Regionale (DCR) e […] Posted in Assistenza e diabete
  • 10 aprile 2019Com’è cambiato l’approccio al paziente con piede diabeticoDall’attenzione esclusiva alla riduzione del numero delle amputazioni, come obiettivo primario essenziale e dall’iperspecializzazione si è passati a un approccio globale alla prevenzione diagnosi e cura delle complicanze del diabete. Il piede diabetico deve essere infatti gestito da un team multidisciplinare e multiprofessionale integrato, che condivida un progetto di prevenzione, […] Posted in Piede diabetico
  • 2 aprile 2019Da una diagnosi di diabete tipo 1, un’opportunità per molti: Phil Southerland e la nascita del Team Novo NordiskRipensando al nostro incontro con Phil Southerland nei giorni della presenza a Milano del Team Novo Nordisk per la Milano Sanremo, la prima sensazione che ricordiamo è quella di un uomo in grado di nascondere sotto un'apparente tranquillità una forza capace di smuovere le montagne. Cosa che ha effettivamente fatto, sconfiggendo la terribile prognosi che i medici avevano dato ai suoi genitori. Posted in Team Novo-Nordisk Milano-Sanremo 2019