Per chi è indicato il sensore del glucosio

Per gestire il diabete la terapia non basta. Occorre, infatti, verificare con regolarità che la glicemia – attraverso una dieta bilanciata secondo le proprie esigenze, il movimento e i farmaci concordati con il medico – si mantenga nei livelli raccomandati dalle più recenti Linee Guida. Da alcuni anni sono a disposizione dei “sensori del glucosio” in grado di monitorare in modo continuo la glicemia. La loro tecnologia è in continuo perfezionamento.

 

Per chi è particolarmente indicato il sensore del glucosio?
  • Diabetici che usano il microinfusore
  • Persone con diabete di tipo 1 che hanno una glicemia molto instabile
  • Bambini e adolescenti per rendere più semplice il controllo regolare della glicemia
  • Donne diabetiche che cercano una gravidanza, che sono in gravidanza o donne con diabete gestazionale

Vuoi saperne di più sui sensori per il monitoraggio continuo della glicemia (CGM)?
Parlane con il tuo medico o con il tuo team diabetologico. Potranno darti tutte le informazioni che cerchi focalizzandole sulle tue necessità, esigenze e stile di vita.

Potrebbero interessarti

  • 22 maggio 2018I Centri Diabetologici allungano la vitaUna recente metanalisi di studi italiani pubblicata sul numero di maggio della prestigiosa rivista Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Disease e basata su dati prospettici raccolti in Lombardia, Veneto e Piemonte, ha evidenziato che le persone con diabete assistite anche presso i Centri Diabetologici (oltre 500 in tutta Italia) presentano una mortalità per tutte le cause ridotta […] Posted in Italia
  • 27 giugno 2018Caffè: aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2Il diabete di tipo 2 (DT2) è in costante aumento nella popolazione. La patogenesi del DT2 è multifattoriale e di non facile comprensione ma sono tantissimi gli studi per individuare lo stile di vita, gli alimenti e le sostanze che possono contribuire a prevenirlo. Il consumo abituale di caffè, alimento dal larghissimo consumo in Italia, sembra favorire un abbassamento del rischio di […] Posted in Acqua e bevande
  • 23 maggio 2018Disponibile in Italia una nuova formulazione a base di calcifediolo per il trattamento della carenza di vitamina DCon la consulenza della Prof.ssa Maria Luisa Brandi. Dal 16 Maggio 2018 è accessibile in Italia una nuova formulazione farmacologica, a somministrazione mensile, a base di calcifediolo per trattare lo stato di carenza di vitamina D, oltre che i pazienti affetti da osteoporosi, sindrome da malassorbimento, osteodistrofia renale o con problematiche ossee indotte dal trattamento con […] Posted in Diabete e osteoporosi