Programma per auto-controllo dell’ipertensione migliora anche livelli del colesterolo LDL

Seguire un programma di auto-controllo dell’ipertensione aiuta i pazienti a migliorare non solo i valori della pressione sanguigna ma anche il livello di glucosio presente nell’emoglobina.
Lo hanno ipotizzato i ricercatori della Duke University di Durham (North Carolina, USA) dopo aver  osservato un gruppo di partecipanti del V-STITCH ( Veterans Study to Improve the Control of Hypertension): questo programma per il controllo dell’ipertensione prevedeva che un gruppo di pazienti seguisse i normali trattamenti per combattere la pressione alta, mentre un altro gruppo ricevesse l’intervento telefonico per l’auto-controllo da parte di un’infermiera ogni 2 mesi.
Secondo le osservazioni dei ricercatori americani i pazienti diabetici che facevano parte del gruppo con intervento telefonico mostravano una riduzione dell’emoglobina glicata (HbA1c) dello 0.28% mentre i pazienti che seguivano le normali procedure di controllo pressorio facevano registrare addirittura un aumento dello 0.18% dell’HbA1c. Una riduzione del colesterolo LDL aveva invece interessato entrambi i gruppi in maniera pressoché uguale.
Questi risultati fanno pensare che un programma che abbia l’obiettivo di tenere sotto controllo i valori legati a una certa patologia possa comunque rivelarsi molto utile per prevenire altri disturbi, inducendo il paziente a controllare maggiormente il proprio stato di salute.

 

 

FonteAmerican Journal of Medicine 2009; 122: 639–646

Potrebbero interessarti

  • 7 maggio 2018RADAR, la nuova app di AMD per contrastare l’inerzia terapeuticaRiservata ai Soci AMD, RADAR analizza le cartelle cliniche informatizzate di ciascun diabetologo e rileva i pazienti con diabete tipo 2 (DT2) che non sono “in regola” su 3 parametri fondamentali: emoglobina glicata (Hb1c superiore al 7%, Indice di Massa Corporeo superiore ai 27 kg/m2 (che esprime una condizione di sovrappeso o obesità) e pressione arteriosa sistolica di 140 mmg/Hg. Posted in Application
  • 30 aprile 2018Smart Digital Clinic – Nuova alleanza per migliorare la qualità delle cure del diabete e ottimizzare i risparmi del SSNL’adozione della cartella clinica diabetologica ha dimostrato negli anni, grazie al progetto Annali dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), la capacità di migliorare la qualità delle cure e di ingenerare risparmi per il Sistema Sanitario Nazionale che porterà all’implementazione della cartella clinica diabetologica digitale “Smart Digital Clinic”. Posted in NEWS - 2018
  • 13 maggio 2018Diabete e salute orale: relazione stretta, ma pochi lo sannoUna recente indagine condotta da FAND in collaborazione con l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) ha scattato una fotografia dello scarso livello di consapevolezza che le persone con diabete hanno sull’impatto che la malattia ha sulla salute di denti e gengive. La survey ha analizzato i disturbi più comuni, i comportamenti adottati e il rapporto con il dentista. Posted in Denti e gengive