2 peptidi indicano rischio aterosclerosi in pazienti diabetici

L’osteopontina e l’osteoprotegerina, due peptidi presenti nel tessuto osseo, sarebbero in grado di inibire la calcificazione vascolare aumentando così lo spessore medio-intimale (IMT) dell’arteria carotide in pazienti affetti da diabete di tipo 2.
La calcificazione vascolare è un segnale che predice l’aterosclerosi ed è spesso seguita da un innalzamento dell’IMT arterioso, mentre la presenza di osteopontina e osteoprotegerina in circolazione nell’organismo è più elevata in soggetti con grave aterosclerosi.
Il team di ricercatori giapponesi che ha condotto lo studio su 168 pazienti diabetici e 40 non diabetici, è giunto alla conclusione che un’alta concentrazione di osteopontina e osteoprotegerina in circolazione indicano un processo di calcificazione attivo e che queste molecole agiscono come degli inibitori per la calcificazione vascolare aumentando di conseguenza l’IMT arterioso.
È stato rilevato infatti che i pazienti affetti da diabete di tipo 2 avevano un livello maggiore di IMT carotideo e di calcio nell’arteria coronarica (CACS) rispetto ai non diabetici, mentre i livelli di osteopontina e osteoprotegerina nel plasma erano simili in entrambi i gruppi.
Infine è stato rilevato che sia il CACS che l’IMT carotideo nel gruppo di soggetti diabetici erano correlati positivamente con i livelli dei due peptidi, e che questi erano a loro volta indipendentemente associati all’IMT secondo un’analisi multivariata.

 

 
FonteDiabetes Research and Clinical Practice 2009; Advance Online Publication

Potrebbero interessarti

  • 21 dicembre 2016Agd Novara: La transizione dalla Diabetologia Pediatrica a quella AdultiUn passaggio delicato, quello dalla Diabetologia Pediatrica alla Diabetologia Adulti talvolta traumatico, che rischia di far perdere per strada ragazzi e famiglie, come sottolineato dalla d.ssa Maria Chantal Ponziani, presente al Convegno svolto sabato 17 dicembre 2016 all’Ospedale Maggiore di Novara. Posted in Fabio Braga
  • 2 novembre 2016DT1: Tre riflessioni sul trapianto di pancreas o di isoleNel corso di un recente incontro organizzato da AGD Bologna al Policlinico Sant’Orsola, il 24 ottobre 2016, abbiamo ascoltato l’intervento del Dott. Giacomo Lanzoni, del team del Prof Luca Inverardi e Camillo Ricordi, Diabetes Research Institute, University of Miami. Posted in Ricerca scientifica
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia