A braccia incrociate per sentire meno dolore

Una ricerca condotta da esperti di varie università (Milano Bicocca, Torino, Sydney e l’University College di Londra) ha dimostrato che incrociando le braccia, mettendo la mano destra sulla parte sinistra del corpo e la sinistra su quella destra, si riesce a ridurre la sensazione dolorosa del 3% circa. La ragione starebbe nel fatto che assumendo questa posizione quando si sente dolore, si creerebbe confusione nel cervello, che è abituato a ricevere le informazioni che riguardano la parte destra del corpo dalla mano destra e viceversa. Alberto Gallace, primo firmatario dello studio e ricercatore in Psicobiologia presso l’Università di Milano Bicocca, osserva: «I risultati di questa ricerca sembrerebbero suggerire che questa metodiche possano essere utilizzate con successo nell’ambito della terapia del dolore; abbiamo infatti messo in luce che confondere il cervello sulla localizzazione degli stimoli dolorosi ne attenua l’intensità. Questa riduzione non riguarda l’attività di aree sensoriali primarie, che si occupano di soltanto di elaborare stimoli tattili o dolorosi, ma piuttosto le attività corticali multisensoriali, di più alto livello. In Australia, presso alcune strutture ospedaliere di Adelaide, il nostro team sta già conducendo esperimenti su pazienti affetti da dolori cronici». La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Pain.

 

 
Fonte Sanità News, 24 maggio 2011

Potrebbero interessarti

  • 29 maggio 2017Educazione terapeutica e nuove tecnologie nella gestione del diabeteLe innovazioni degli strumenti tecnologici a disposizione delle persone con diabete, soprattutto diabete di tipo 1, sono sempre più diffuse, soprattutto per quanto riguarda l’auto-controllo: esistono, infatti, diversi sistemi avanzati per il monitoraggio della glicemia. Posted in Nuove tecnologie
  • 6 luglio 2017I.M.L. – Cooperativa Iniziativa Medica LombardaIML, iniziativa no profit, è in grado di offrire ai medici di famiglia tutti gli strumenti necessari per la gestione della cronicità che, da soli, non potrebbero avere. Si occupa della fornitura di strumenti informatici sempre più avanzati e di supporto al telemonitoraggio e alla telemedicina. Posted in Regioni
  • 16 giugno 2017Il mondo invecchia: assistenza e gestione dell’anzianoDall’Osservatorio Nazionale della salute della DonnA (ONDA) la fotografia della “generazione d’argento”. Il 43% degli over 70 dichiara di essere soddisfatto della propria vita, 4 su 5 affermano di essere autosufficienti. Posted in Italia