Anche per i bambini il grasso addominale è un fattore di rischio di diabete

Si è svolto nelle scorse settimane a Milano il Meeting internazionale di Endocrinologia pediatrica, nel corso del quale è stato affrontato il problema del grasso viscerale, quello che circonda gli organi interni, come fattore predittivo del rischio di diabete anche nella popolazione pediatrica. Il direttore della Clinica Pediatrica dell’Università di Chieti e presidente Espe (Società Europea di Endocrinologia Pediatrica), Francesco Chiarelli, spiega: «Il girovita è un affidabile indicatore della sensibilità all’insulina, che a sua volta è fattore di rischio per l’insorgenza del diabete.
L’indice di massa corporea (Bmi), invece, non è un calcolo adatto alla popolazione pediatrica in quanto non fornisce un’indicazione della massa grassa intra-addominale; è stato infatti assodato che il grasso addominale è un indicatore di rischio anche nella popolazione pediatrica e, mediante la formula circonferenza addominale in cm diviso altezza in cm, se si ottiene un risultato pari o superiore a 0,5 si è in presenza di obesità viscerale anche nei bambini di peso normale. Un risultato intorno allo 0,5 deve indurre a effettuare controlli ulteriori, poiché rappresenta una sorta di campanello di allarme».
La crescita continua del sovrappeso e dell’obesità fra i bambini crea numerosi effetti negativi sulla loro salute; fra le conseguenza dell’obesità c’è infatti anche la possibile tendenza all’anticipazione della pubertà e l’accelerazione dell’età ossea. Prosegue Chiarelli: «La definizione di sovrappeso è troppo sottovalutata, per questo preferiamo chiamarla pre-obesità, in modo da richiamare uno dei principali problemi sanitari dell’infanzia. Esiste infatti una relazione diretta fra grasso viscerale e infiammazione sistemica; in condizioni di stress le cellule adipose secernono elevate quantità di molecole proinfiammatorie, come l’interleuchina 6 e il Tnf-alfa.
L’aumento eccessivo di dimensione della cellula porta alla sua morte, e a questo punto intervengono i macrofagi del sistema immunitario che attivano una reazione locale infiammatoria; se l’eccesso di peso persiste, questo meccanismo diventa cronico e apre la strada a una lunga serie di patologie tipiche dell’età adulta: dalla steatosi epatica alla sindrome metabolica. Combattere sovrappeso e obesità infantile sono quindi importanti obiettivi di salute pubblica per contrastare una generazione di giovani adulti malati cronici».

 

Fonte
9° Meeting Internazionale di Endocrinologia Pediatrica, Milano 19-22 settembre 2013

Potrebbero interessarti

  • 13 giugno 2017Primi caldi: un vademecum per contrastare il colpo di caloreDurante le giornate afose, in luoghi dove il caldo e l’umidità raggiungono livelli critici, aumentano le probabilità di andare incontro ad un colpo di calore. Vediamone sintomi, primo soccorso e prevenzione. Posted in Viaggi e vacanze
  • 6 luglio 2017I.M.L. – Cooperativa Iniziativa Medica LombardaIML, iniziativa no profit, è in grado di offrire ai medici di famiglia tutti gli strumenti necessari per la gestione della cronicità che, da soli, non potrebbero avere. Si occupa della fornitura di strumenti informatici sempre più avanzati e di supporto al telemonitoraggio e alla telemedicina. Posted in Regioni
  • 21 giugno 2017Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estateIl lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%). Posted in Diabete e prurito