Bassi livelli di HbA1c riducono i costi per le cure dei diabetici nel lungo periodo

I costi per curare un paziente diabetico con un buon controllo glicemico sono alti, ma possono essere controbilanciati nel lungo periodo da una minor incidenza di complicazioni legate alla malattia, come ad esempio disturbi micro e macrovascolari.
Lo hanno reso noto i ricercatori della Takeda Pharmaceuticals North America, Inc. di Deerfield, nell’Illinois (USA) durante il 45esimo congresso annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete tenutosi a Vienna dal 29 settembre al 2 ottobre.
Morgan Bron e colleghi hanno presentato i risultati di una ricerca effettuata su 41,182 pazienti con diabete di tipo 2, che non presentavano precedenti episodi di complicazioni legate alla malattia e che non avevano modificato di recente le cure abituali. Lo studio è durato tre anni, periodo durante il quale gli studiosi hanno valutato il costo delle cure per i diabetici e la relazione tra il livello dell’emoglobina glicata (HbA1c ) e il rischio di disturbi macrovascolari (quali infarto del miocardio, ictus, malattia dell’arteria coronaria o malattie vascolari periferiche) e microvascolari (tra cui neuropatie, nefropatie, retinopatie e amputazione).
I risultati della ricerca hanno mostrato che il 26.8% dei partecipanti ha sviluppato problemi macrovascolari mentre il 44.7% ha affrontato complicazioni microvascolari, e che per ogni punto incrementale nel livello dellHbA1c il rischio di questi disturbi aumentava del 2% (per i macro) e del 3% (per i micro).
I pazienti con un livello di emoglobina glicata pari o superiore al 9% avevano l’8 e il 13% di incorrere rispettivamente in complicazioni macro e microvascolari. Per quanto riguarda i costi legati alle complicazioni provocate dalla presenza del diabete di tipo 2, in generale erano tanto più elevanti quanto più alto era il livello dell’HbA1c. Tuttavia nel breve periodo si era registrata una diminuzione dei costi concomitante a un aumento dell’emoglobina glicata, passando cioè da 8,384US$ (€5706 ) per individui con HbA1c inferiore al 6.5% a 7648US$ (€5205) per soggetti con un livello dell’emoglobina superiore al 9%.

 

 

 
Fonte: European Association for the Study of Diabetes 45th Annual Meeting; Vienna, Austria: 29 September – 2 October, 2009

 

Potrebbero interessarti

  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico
  • 16 febbraio 2017Insulina degludec rimborsabile (classe A) anche in bambini e adolescentiIl 10 febbraio è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Determina dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) per la rimborsabilità dell’indicazione in pediatria dell’insulina degludec (Tresiba®) per il trattamento del diabete tipo 1 in bambini dall’età di 1 anno. Posted in NEWS - 2017
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1