Che cosa fare in caso di infezione fungina (micosi)

TINEA PEDIS

  • Le micosi della cute possono essere il canale d’entrata per infezioni più gravi.
  • La tigna si manifesta con una serie di vescicole pruriginose (il prurito può essere assente in presenza di neuropatia), con macerazioni ipercheratosiche associate a fessurazioni tra le dita o con ipercheratosi distribuita “a mocassino”.
  • Il trattamento locale in genere ha successo e va prescritto da un podologo o dall’equipe di cura.
  • Anche se si ha già in casa un farmaco che si pensa  possa andare bene, è SEMPRE meglio chiedere un nuovo consulto ad un professionista della salute e astenersi da iniziative personali.

 

 

INFEZIONI FUNGINE DELLE UNGHIE (ONICOMICOSI)

  • Anche in questo caso è indispensabile rivolgersi rapidamente al podologo o alla propria equipe di cura che prescriverà un test per la diagnosi di laboratorio di onicomicosi.
  • Queste infezioni sono in genere refrattarie al trattamento locale e il medico deve pertanto prendere in considerazione la terapia farmacologica antifungina per via orale.

 

Potrebbero interessarti

  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie
  • 13 febbraio 2017Le malattie delle unghieLe malattie che interessano comunemente le unghie (o parti di esse) di mani e piedi possono avere molte cause: infezioni, microtraumi, traumi, psoriasi, dermatiti, eczema, deformità, utilizzo di scarpe incongrue, malattie congenite... Posted in Unghie e onicopatie
  • 24 marzo 2017Quando e perché si forma un’unghia incarnita?L’unghia incarnita o onicocriptosi, utilizzando un termine medico - dal greco onyx = unghia e kryptos = nascosta - , è un disturbo che colpisce le unghie dei piedi, con una maggiore prevalenza a carico dell’alluce, pur non escludendo le altre dita. Posted in Unghie e onicopatie