Che cosa fare in caso di infezione fungina (micosi)

TINEA PEDIS

  • Le micosi della cute possono essere il canale d’entrata per infezioni più gravi.
  • La tigna si manifesta con una serie di vescicole pruriginose (il prurito può essere assente in presenza di neuropatia), con macerazioni ipercheratosiche associate a fessurazioni tra le dita o con ipercheratosi distribuita “a mocassino”.
  • Il trattamento locale in genere ha successo e va prescritto da un podologo o dall’equipe di cura.
  • Anche se si ha già in casa un farmaco che si pensa  possa andare bene, è SEMPRE meglio chiedere un nuovo consulto ad un professionista della salute e astenersi da iniziative personali.

 

 

INFEZIONI FUNGINE DELLE UNGHIE (ONICOMICOSI)

  • Anche in questo caso è indispensabile rivolgersi rapidamente al podologo o alla propria equipe di cura che prescriverà un test per la diagnosi di laboratorio di onicomicosi.
  • Queste infezioni sono in genere refrattarie al trattamento locale e il medico deve pertanto prendere in considerazione la terapia farmacologica antifungina per via orale.

 

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Disponibile anche in Italia, la nuova insulina rapida Lispro U200, “2×1”Un’iniezione più ‘soft’ e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire, semplificando così la vita dei pazienti adulti con diabete mellito. Posted in Insulina
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia